GRI + MOSCONI “Between ocean and sky”

GRI + MOSCONI “Between ocean and sky”

 

SLOWCRAFT RECORDS. CD, 2018

di Alessandro Nobis

Francis M. Gri e Federico Mosconi hanno registrato queste sei composizioni un paio di anni fa tra Verona e Milano e la piccola ma attivissima etichetta specializzata inglese di James Murray ha voluto inserire questo bel lavoro nel proprio catalogo sul finire del novembre 2018.

gri + mosconi.jpgIl raffinato quanto semplice packaging nasconde questi quarantacinque minuti di musica ambient creata dalla collaborazione dei due compositori ed il titolo aiuta di certo a “focalizzare” al fruitore la propria ambientazione fisica. Chitarra (Mosconi) e pianoforte (Gri) sono i due strumenti di partenza, il nocciolo dalla musica, i cui suoni sono frantumati, rigirati, reiterati, modificati ed ancora dilatati da un apparato elettronico in pieno controllo dei due compositori che non fa da corollario alla musica ma ne è parte integrante e dunque fondamentale; elettronica che crea stratificazioni sonore parallele ed stesso tempo intersecanti che costringe l’ascoltatore quasi ad inventarsi situazione fisiche dove poterla collocare, come dicevo. Alla fine se sei attento non puoi non apprezzare la complessità di questo lavoro e la capacità dei due musicisti di mantenere alto il livello di attenzione durante il suo fluire e di certo l’uso di un buon paio di cuffie aiuta a scoprire tutti i suoni che si nascondono nelle pieghe delle composizioni; la suggestiva “Lumen” perfetto incontro tra sperimentalismo e classicità, introdotta dal pianoforte acustico che subito incontra i suoni ambient ed il suo alter ego filtrato dai computer oppure “Landscape Rosso” dove invece è il pianoforte che si insinua nelle trame artificiali tessute come al solito con grande perizia e gusto da Federico Mosconi e Francis M. Gri.

Il cd, la cui stampa è stata limitata a 150 copie, si trova naturalmente anche in formato digitale nel sito http://www.slowcraft.bandcamp.com

 

Annunci

IL DIAPASON incontra ROBERTO ZORZI

IL DIAPASON incontra ROBERTO ZORZI

IL DIAPASON INCONTRA ROBERTO ZORZI

di Alessandro Nobis

Domenica 27 gennaio, con una rara performance del chitarrista Roberto Zorzi, si chiude il trittico di concerti della miniserie “THE COHEN UNDERGROUND” che si tiene naturalmente al Cohen ed inserita nel JAZZCLUB, a Verona in Via Scarsellini con inizio alle 20.underground 18 19 zorzi

Roberto Zorzi appartiene ai “devoti” alla musica improvvisata, e sebbene abbia preso parte ad ensemble non esattamente facenti parte di questa corrente come i N.A.D., Si.Mi.La.Do. o The Bang con i suoni ed interventi ha sempre “marchiato” la sua presenza arricchendo la musica nel suo complesso. Importante la sua collaborazione con il collega californiano Henry Kaiser (“Through” del 1999) e recentemente le sue produzioni in trio, la prima con Boris Savoldelli e Massimo Barbiero e la seconda con Scott Amendola e Michael Manring, sfociata in “Facanapa Umarellas and the World Wide Crash” considerato meritatamente  il miglior album del 2018 per la sezione Avant Garde & Experimental da Voctor Aaron della prestigiosa rivista “Something Else Review” (http://somethingelsereviews.com/2019/01/14/wendy-eisenberg-brandon-seabrook-david-dominique-s-victor-aarons-best-of-2018-part-3-of-4-avant-garde-experimental/?fbclid=IwAR1UNyD4sZwxOkRg9ru4X2WOA1Z2Ne8N_V970T07CO-PhYNJx7uxTxcJh2Q).

Una grande soddisfazione per il musicista veronese, dal quale mi aspetto presto un album solo ……… intanto l’ho incontrato per conoscere meglio la sua musica in vista del concerto di domenica 27.

– Come e quando ti sei avvicinato prima da ascoltatore ed in seguito come esecutore alla musica improvvisata? Cosa ti aveva colpito di questo linguaggio, il suo radicalismo, la novità, la sua purezza?

Accadde all’incirca nel 1972 o 73: un amico, il mitico per me, Lucio Vicentini si presentò a casa mia con due Lp, Music Improvisation Company e Lot 74, un solo di Derek Bailey. A quel tempo a me sembrava pura avanguardia Chick Corea con le sue “Piano improvisations”, puoi immaginare lo shock che provai. Quello che ho sempre apprezzato nella musica improvvisata è la sua purezza (un po’ come Alien, per chi ricorda la battuta dell’androide nel primo film). Poi la capacità di reinventare la “lingua strumentale. E’ una forma musicale democratica, nessuno è leader, tutti lo sono, quando si improvvisa in gruppo. Nulla di anarchico.

–  Chi prima di altri ti ha influenzato e segnalato un percorso?

A dire il vero forse la primissima influenza non ha a che fare con improvvisatori, ma con Fripp & Eno di Evening Star, poi, ovviamente, tutto il movimento europeo, in particolare quello inglese, con una menzione particolare per Fred Frith ed il suo “Guitar solos”. Bailey è scontato. Poi sono venuti gli americani, tra tutti John Fahey ed Henry Kaiser in particolare, al quale devo moltissimo.

– Vista la tua esperienza, come è cambiata se è cambiato il concetto di improvvisazione? Mi riferisco in particolare a quella che identifico personalmente con la scuola europea?

Credo sia cambiato l’approccio complessivo, con una apertura totale verso il coinvolgimento di musicisti americani (soprattutto dalla zona di Chicago e dalla California)

– A mio avviso c’è un linguaggio di assolutà libertà esecutiva più legata alla musica afroamericana e quello invece come dicevo appartenente alla cultura europea che molti avvicinano alla musica contemporanea. Li ritieni separati o secondo te hanno degli aspetti in comune?

La musica improvvisata è sempre stata considerata un limbo dalla critica, un luogo dove potevano confluire tutti e nessuno, ma direi che i risultati dell’integrazione tra i due mondi hanno sempre dato risultati eccellenti (vedi, ad es., il cd del duo Derek Bailey / Cecil Taylor a Berlino, nel) 1988.

– Esiste senso te una corrente italiana all’improvvisazione radicale?

Sì, qualcuno c’è, qualche “vecchio leone” che ancora si batte per mantenerla in vita, non so per quanto riguarda i giovani, ma non parlerei comunque di “corrente italiana”.

– Nelle tue performance solistiche, che strumentazioni utilizzi? Preferisci il suono elettrico con l’apporto di elettronica o ti affidi anche al suono naturale dell’acustica?

70% elettrico, 30% acustico.

– Tra le tue più recenti collaborazioni che poi sono sfociat e nella pubblicazione di due CD ci sono quella con Boris Savoldelli e Mattia Barbiero (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2017/03/03/dalla-piccionaia-savoldelli-barbiero-zorzi-trio/) e quella con Michael Manring e Scott Amendola. E’ solo un caso che entrambe le esperienze siano frutto di una formazione a tre?

No, non è casuale: è il numero perfetto, la formazione perfetta.

– Quale secondo te dovrebbe essere oggi l’approccio dell’ascoltatore alla musica improvvisata e qual è la sua reazione rispetto a quando hai iniziato?

Con l’avvento di internet dovrebbe essere molto più facile soddisfare la propria curiosità ed approfondire la conoscenza, ma credo che il vero problema, oggi, sia proprio la mancanza di curiosità e l’appiattimento su  standard sicuri e “relativisti”, se mi passi il termine. In linea con la cultura dominante.

– Con il passare dei decenni è cambiato molto il mercato discografico, ma la musica improvvisata ha sempre avuto un pubblico di nicchia difficilmente raggiungibile; piccole etichette (mi vengono in mente la Incus o la tedesca FMP), difficoltà nel trovare i dischi. Oggi, paradossalmente che il mercato “al dettaglio” è pressocchè sparito, grazie ad internet questa musica è più facilmente reperibile, anche quella prodotta da piccole labels come la Treader di John Coxon per fare un esempio. I tuoi lavori dove sono rintracciabili?

In alcuni – rari – negozi specializzati, ma soprattutto su tutte le piattaforme digitali: Amazon, CD Baby, iTunes, etc etc.

– Visto il concetto che sta alla base ti quello che suoni, non ti chiederò anticipazioni rispetto alla tua performance del 27 gennaio al Cohen, ma ti ringrazio davvero per la tua disponibilità.

Grazie a te.

KLĀS’TĬK “Night’s Highest Moon”

KLĀS’TĬK “Night’s Highest Moon”

KLĀS’TĬK “Night’s Highest Moon”

Krysalisound. CD 2018

di Alessandro Nobis

Cercare di descrivere le sensazioni e le emozioni che suscitano le registrazioni dell’etichetta Krysalisound è sempre una sfida con me stesso. Non essendo un musicista e tantomeno un conoscitore dei processi creativi che avvengono nelle sale d’incisione, mi resta poco da dire se non che queste registrazioni che hanno chiesto circa due anni per avere una versione definitiva hanno uno straordinario fascino; Andrea Koch e Masaya Hijikata, il primo con la voce e i suoi campionamenti ed il secondo con le sue ancestrali percussioni acustiche nipponiche sembrano collegare il lontano passato umano con il presente arrivando ad un futuro perfetta combinazione tra i due estremi. Capire come tecnicamente siano riusciti a realizzare questo non è semplice; il brano eponimo ad esempio con la frenetica reiterazione del pattern percussivo ora filtrata ora naturale, l’oscura ambientazione del sito paleolitico (superiore) con le misteriose voci di “Chauvet”, il più antico sito pittorico del vecchio continente che magicamente apre questo splendido lavoro, le sonorità elettroniche apparentemente caotiche di “Same name”, il breve brano conclusivo.

Che ci siano echi minimalisti o inevitabili riferimenti a maestri come Philip Glass all’ascoltatore comune tutto sommato poco importa: è musica dal grande fascino, che lascia a chi la apprezza il più ampio spazio descrittivo mentale ed ai neofiti della musica ambient lascia numerosi e facili spiragli per avvicinarsi a questo mondo.

Krysalisound è label da seguire, non solo per la qualità delle sue produzioni, ma anche per la grande cura nei packaging. Questa si chiama, in italiano, “passione” per quello che si fa.

http://www.kryalisound.com

DALLA PICCIONAIA: THE COHEN UNDERGROUND 2018 2019

DALLA PICCIONAIA: THE COHEN UNDERGROUND 2018 2019

DALLA PICCIONAIA: THE COHEN UNDERGROUND 2018 2019

di Alessandro Nobis

underground 18 19A seguito della bella e partecipata performance di Federico Mosconi e di Francis M. Gri della passata stagione, appuntamento che per l’occasione avevamo chiamato “Cohen Underground”, ho pensato di proporre ad Elena Castagnoli, la coraggiosa, caparbia e preparata titolare del Cohen tre serate per allargare lo spettro delle proposte del Jazz Club 2018 – 2019 di cui mi occupo; tre performance che pur essendo incluse nella programmazione jazz ho ritenuto opportuno differenziare ed inserirle in una piccola sotto-rassegna mantenendo il nome di “The Cohen Underground”.

A Verona sappiamo bene che la musica contemporanea, i reading, la sperimentazione musicale in una parola ciò che rappresentano le avanguardie sono pressoché bandite, e – tra l’altro – basta leggere la programmazione degli ultimi Verona Jazz per rendersene conto; solo la purtroppo breve  kermesse della lodevolissima “Verona Risuona” e qualche sporadico evento spesso privato riescono per qualche ora a rompere questo autentico muro del disinteresse favorito da coloro che istituzionalmente avrebbero invece il compito di promuovere e supportare. “Non ci sono soldi”, “Non viene nessuno”, “cos’è ‘sta roba qua?” sono le risposte che danni arrivano dal “Palazzo”; più opportuno navigare in acque sicure, garantendo una “certa” affluenza di pubblico senza rischiare troppo voli pindarici e critiche negative dei media, soprattutto locali. Mantenere vivo l’interesse, finanziare progetti, provocare la curiosità dei giovani ma più in generale del pubblico è a mio parere obbligo morale e culturale se si vuole che artisti, performer ed autori possano proseguire i loro cammini di ricerca. Insomma le forme d’arte musicale che ascoltiamo oggi sono sempre il frutto di movimenti avanguardistici che hanno operato ed ancora sono attivi e che in qualche caso dopo una fase di esplorazione e sperimentazione, si trasformano in rami culturali consolidati se non addirittura in mainstream.

Questo è quanto e così “noi del Cohen”, e voglio usare indebitamente il plurale, abbiamo pensato ad una sezione “Underground” con tre sorprese, tre proposte molto diverse tra loro che speriamo trovino il gradimento del pubblico più attento.

Ecco il calendario.

– Si inizia domenica 25 novembre con una performance di violoncello solo di Leonardo Sapere dei Solisti Italiani ed ammirato nel locale di Via Scarsellini con il trio “Tango x 3”; difficile dire che cosa proporrà il violoncellista argentino, ma conoscendo un poco i suoi interessi musicali, sarà un memorabile viaggio tra l’improvvisazione, la musica classica e chissà cos’altro. Per gli assetati di musica serata imperdibile.

– Il secondo appuntamento, domenica 9 dicembre, è con una delle più importanti avanguardie letterarie americane del secolo scorso, la Beat Generation, ed in particolari con uno dei suoi padri fondatori, Jack Kerouac; Mauro Dal Fior, sempre a suo agio con questo repertorio, leggerà alcuni passi di “Big Sur”, ed il pianista mantovano Giulio Stermieri con il suo Fender Rhodes avrà il compito di far rivivere quel momento storico improvvisando con il piano elettrico e prendendo spunto da brani coevi a Kerouac vicino ad altri più vicini al nostro tempo.

– L’ultimo “Underground”, domenica 27 gennaio, sarà dedicato alla musica improvvisata ed avrà come “instant performer” il chitarrista Roberto Zorzi: profondo conoscitore dei movimenti improvvisativi europei e di oltreoceano, ha dedicato la sua vita di musicista allo studio ed alla pratica dell’improvvisazione – soprattutto non idiomatica – sia in veste solista che in piccoli combos come testimoniano le collaborazioni con i più importanti esponenti di questo movimento radicale e sue notevoli registrazioni apprezzate dalla critica specializzata.

WALTER PRATI – SERGIO ARMAROLI “Close (your) eyes Oper Your Mind”

WALTER PRATI – SERGIO ARMAROLI “Close (your) eyes Oper Your Mind”

WALTER PRATI – SERGIO ARMAROLI “Close (your) eyes Oper Your Mind”

Dodicilune Dischi Ed401. CD 2018

di Alessandro Nobis

La magia di questo lavoro, che segue il precedente realizzato in quartetto (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2018/03/24/schiaffini-prati-gemmo-armaroli-luc-ferrari-exercises-dimprovisation/)è a mio avviso la costante ricerca della perfetta sovrapposizione tra la trasmissione di stimoli sonori da parte dei due esecutori e le personali sensazioni raccolte da  durante la fruizione dei cinque articolati episodi, siano esse prevalentemente costituite da parti improvvisate e scritte. L’ambiente è naturalmente quello della musica contemporanea, quello della ricerca sonora, quello anche della ricerca di punti di incontro nel fitto dialogo tra i due protagonisti di questo lavoro, Walter Prati (basso elettrico, violoncello, elettronica) e Sergio Armaroli (percussioni, elettronica); il suono è quello che entra perfettamente nel termine “elettroacustico”, ovvero suoni ricavati direttamente dagli strumenti o filtrati da computer che si interconnettono con percussioni acustiche spesso portandoci in altri luoghi e tempi (il berimbau e le percussioni etniche del brano iniziale “Close Is a mistery of pain”, il dialogo batteria – computer nell’episodio seguente “Eyes The end of the arm”, ed ancora il violoncello magicamente filtrato di “Open An acting or voice”).

Un’opera di notevole valore questo “Close (your) Eyes Open Your Mind” il cui titolo indica la precisa modalità di fruizione e che a mio modesto parere rappresenta una delle più interessanti opere del catalogo Dodicilune nel quale troviamo sì splendidi lavori nel rassicurante solco del maistream ma anche sperimentazioni come questa di Prati ed Armaroli.

Non vi auguro di assistere alla peraltro improbabile performance live pedissequa del CD, sarebbe la negazione del concetto stesso di improvvisazione, ma invece di assistere ad una loro performance nella quale con ogni probabilità solo qualche elemento ne verrà riproposto. Il resto …. chissà, ogni concerto avrà cose diverse da dire, ogni ambiente darà stimoli diversi, ai due musicisti ed anche al pubblico. Buon ascolto.

PAUL STEINBECK “Grande Musica Nera. La storia dell’Art Ensemble of Chicago”

PAUL STEINBECK “Grande Musica Nera. La storia dell’Art Ensemble of Chicago”

PAUL STEINBECK “Grande Musica Nera. La storia dell’Art Ensemble of Chicago”

QUODLIBET CHORUS EDIZIONI 2018. PAGG. 399, € 25,00

di Alessandro Nobis

AEOC 2Il mio personale “impatto” con la musica dell’AACM (Association for Advancement of Creative Musicians) risale a qualche decennio fa; correva la primavera del 1979 ed a Verona venne organizzata dalla sua illuminata direzione artistica una memorabile edizione di Verona Jazz dedicata al jazz prodotto da quel collettivo di straordinari talenti che in quel di Chicago, e poi a Parigi e quindi nuovamente in America, scriveva pagine davvero memorabili di storia della musica afromericana. Musica e musicisti che da quel lontano ’79 ho seguito nelle produzioni discografiche, anche quelle italiane per la Soul Note di Bonandrini, e pertanto non ho potuto esimermi di accaparrarmi una copia di questo volume e leggere con grande gusto questo imperdibile – almeno per me – racconto dell’evoluzione del jazz sviluppatasi a Chicago.

sc00033529
Il programma di quel VERONA JAZZ 1979

A partire da quell’agosto del ’65 – quando la AACM tenne tre concerti, i suoi primi concerti – lasciando nello sconcerto gli estimatori del mainstream, quelli più aperti alle nuove tendenze, che per la prima volta ebbero l’opportunità di ascoltare musica sperimentale scritta e composta da musicisti afroamericani, la storia di questo collettivo è legata in modo in modo indissolubile a quella dell’Art Ensemble of Chicago (Joseph Jarman, Roscoe Mitchell, Malachi Favors, Don Moye e Lester Bowie), per primo capace di affiancare l’aspetto musicale a quello visuale attraverso mascheramenti, gestualità e strumenti che richiamassero l’attenzione all’indissolubile filo che lega la musica africana al jazz americano. Paul Steinbeck racconta la storia dell’AEOC con dovizia di particolari documentati e di citazioni con grande passione, mescolando abilmente la parte descrittiva con aspetti più dedicati nello specifico a musicisti e musicologi; la traduzione di Giuseppe Lucchesini può così finalmente consentire al lettore italiano di ricostruire la storia dell’Art Ensemble of Chicago e la brillante prefazione di Claudio Sessa assieme alle foto inserite nel volume fanno di questo “Grande Musica Nera” un’imperdibile occasione per chi si vuole abbeverare alla fonte della Great Black Music.

 

 

 

SCHIAFFINI PRATI GEMMO ARMAROLI “Luc Ferrari Exercises d’improvisation”

SCHIAFFINI PRATI GEMMO ARMAROLI “Luc Ferrari Exercises d’improvisation”

SCHIAFFINI PRATI GEMMO ARMAROLI “Luc Ferrari Exercises d’improvisation”

DODICILUNE RECORDS, ED394, CD, 2018

di Alessandro Nobis

Tra i molti e spesso purtroppo dimenticati compositori del Ventesimo Secolo, c’è anche il francese Luc Ferrari (1929 – 2005), protagonista della sperimentazione sonora già da giovanissimo, ovvero i primi anni Cinquanta. Il quartetto è composto dal trombonista Giancarlo Schiaffini (già nel prestigioso e seminale “Gruppo di Improvvisazione Nuova Consonanza” con Morricone, Evangelisti, Macchi, Neri e Piazza), il violoncellista Walter Prati collaboratore tra gli altri di Evan Parker, la pianista – compositrice Francesca Gemmo ed il vibrafonista Sergio Armaroli, ed interpreta in modo efficace i Sette “Exercises d’Improvisation” che rappresentano una sorta di manifesto della musica che Ferrari andava creando e che legava la scrittura con la pratica improvvisativa descrivendo, come dice la moglie Bunhild Meyer – Ferrari “la società in ogni suo aspetto (rivolta, gioia, sofferenza, intimità e amore,) traducendo nelle sue creazioni i temi che lo preoccupavano e quindi anche la contradditorietà delle emozioni”.

E’ musica che dà nuova luce e richiama attenzione su di un mondo musicale, quello della seconda metà del Novecento, che allora godeva dell’apprezzamento di un buon gruppo di appassionati che vi si erano avvicinati partendo da esperienze legate sia al jazz d’avanguardia che a certo rock sperimentale, essendo pubblicata da etichette come le benemerite Wergo, Deutsche Grammophon e l’italiana Cramps / Nova Musicha.

Questa bellissima ed intrigante produzione della salentina Dodicilune ha a mio avviso quindi un duplice merito, quello di riportare saggiamente alla luce alcune delle composizioni di questo poliedrico artista inserendola nel suo ricco catalogo jazz-oriented, e quello di offrire l’importante e rara oppertunità di avvicinare i jazzofili che “frequentano” le produzioni di questa etichetta alla musica “contemporanea” del Novecento.

Da ascoltare assolutamente.