BRUCE · HISEMAN · HECKSTALL SMITH · McLAUGHLIN “Things we like”

BRUCE · HISEMAN · HECKSTALL SMITH · McLAUGHLIN “Things we like”

SUONI RIEMERSI: JACK BRUCE · JON HISEMAN · DICK HECKSTALL SMITH · JOHN McLAUGHLIN “Things we like”

Polydor Records. LP, 1970

di alessandro nobis

L’estate del 1968 fu un’estate intensa per Jon Hiseman e Dick-Heckstall Smith: tra la registrazione di Bare Wires con i Bluesbreakers di John Mayall e l’inizio dell’avventura con i Colosseum trovarono fortunatamente per noi il tempo anche per un session agostana assieme al bassista Jack Bruce che aveva appena concluso l’esperienza “Cream” ed al chitarrista John McLaughlin che allora era parte del quartetto del pianista Gordon Beck assieme a Tony Oxley e Jeff Clyne (“Experiments with Pop” venne pubblicato nel ’68 dalla Major Minor).

A parte la rilettura di “Born to be blue” di Mel Tormè e Robert Wells e di “Sam’s sack” di Milt Jackson, quest’ultima nel medley “Sam Enchanted Dick” che comprende anche “Rill’s Thrills” di Heckstall Smith, il disco contiene composizioni originali di Jack Bruce, in una session nella quale si ascolta raffinato e purissimo jazz nel periodo in cui questo iniziava ad essere contaminato dal rock o più semplicemente elettrificato; a giudicare dalla formazione infatti tutto farebbe pensare ad un’operazione di questo tipo, ma invece il contrabbasso di Bruce (che raramente si sente su altre sue incisioni, quasi volesse smaltire la sbornia di blues elettrico dei Cream) guida lo straordinario quartetto nel quale i due futuri Colosseum più legati al blues britannico ed il fraseggio di McLaughlin regalano uno dei più importanti – naturalmente a mio modesto parere – dischi del jazz europeo, inglese in particolare, in assoluto.

La prima facciata si apre con “Over The Cliff” (eseguito in trio senza la chitarra) con il contrabbasso pizzicato di Bruce, e Heckstall-Smith con i due sassofoni suonati contemporaneamente ci fa capire quanto il suo suono sia ispirato da quello di Roland Kirk, mentre il seguente “Statues” ci presenta un inedito Jack Bruce alle prese con l’archetto – splendido il suo solo – ed altrettanto significativo il break di Hiseman (magico il suo drumming che davvero ha avuto pochi eguali). Un brano che dà un’immagine precisa di questo progetto al quale, nei brani dove è presente, dà ulteriore forza John McLaughlin come nel medley citato in apertura con uno splendido solo che mette in risalto tutta la tecnica e la classe dell’allora ventiseienne chitarrista, tutta evidente anche nella splendida ballad “Born to be Blue” che chiude il lato A.

Jack Bruce ha in quegli anni registrato della grande musica in trio (con batteria e sassofono) come quella con lo stesso Hiseman e John Surman (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2021/10/27/suoni-riemersi-hiseman-%c2%b7-bruce-%c2%b7-surman-le-session-del-1971-%c2%b7-1978/), un progetto che poi ha un po’ lasciato nel cassetto e che avrebbe avuto invece un grande consenso tra gli appassionati jazz. Peccato.

GOOGLE TRANSLATOR

The summer of 1968 was a busy summer for Jon Hiseman and Dick-Heckstall Smith: between the recording of “Bare Wires” (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2021/12/21/suoni-riemersi-john -mayalls-bluesbreakers-bare-wires /) with John Mayall’s Bluesbreakers and the beginning of the adventure with the Colosseum fortunately found time for us also for an August session together with bassist Jack Bruce who had just finished the experience “Cream” and guitarist John McLaughlin who was then part of the quartet of pianist Gordon Beck along with Tony Oxley and Jeff Clyne (“Experiments with Pop” was released in ’68 by Major Minor).

Apart from the reinterpretation of “Born to be blue” by Mel Tormè and Robert Wells and “Sam’s sack” by Milt Jackson, the latter in the medley “Sam Enchanted Dick” which also includes “Rill’s Thrills” by Heckstall Smith, the album contains original compositions by Jack Bruce, in a session in which refined and pure jazz is heard in the period in which it was beginning to be contaminated by rock or more simply electrified; judging from the line-up, in fact, everything would suggest an operation of this type, but instead Bruce’s double bass (which is rarely heard on his other recordings, almost as if he wanted to soothe Cream’s electric blues hangover) leads the extraordinary quartet in which the two future Colosseums more linked to British blues and McLaughlin’s phrasing offer one of the most important – naturally in my humble opinion – European jazz records, English in particular, ever.

The first side opens with “Over The Cliff” (performed in trio without the guitar) with Bruce’s pizzicato double bass and Heckstall-Smith with the two saxophones played at the same time makes us understand how much his sound is inspired by that of Roland Kirk , while the following “Statues” presents us with an unpublished Jack Bruce struggling with the bow – his solo is splendid – and Hiseman’s break is equally significant (his drumming is magical and has really had few equals). A song that gives a precise image of this project to which, in the songs where it is present, John McLaughlin gives further strength as in the medley mentioned at the beginning with a splendid solo that highlights all the technique and class of the then twenty-six year old guitarist .

In those years Jack Bruce recorded great trio music (with drums and saxophone) such as that with Hiseman himself and John Surman (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2021/10/27/suoni-riemersi-hiseman- % c2% b7-bruce-% c2% b7-surman-le-session-del-1971-% c2% b7-1978 /), a project that he then left a bit in the drawer and that would have had a great consensus instead among jazz fans.

JOHN MAYALL’S BLUESBREAKERS “Bare Wires”

JOHN MAYALL’S BLUESBREAKERS “Bare Wires”

SUONI RIEMERSI: JOHN MAYALL’S BLUESBREAKERS “Bare Wires”

Decca Records. LP, 1968

di alessandro nobis

Questa reincarnazione dei Bluesbreakers ebbe vita breve dopo la registrazione di questo significativo “Bare Wires” avvenuta nell’aprile del ’68 e prodotto da Mike Vernon e John Mayall: dopo qualche mese, in agosto, Tony Reeves, Dick Heckstall Smith presero armi e bagagli ed assieme a John Hiseman lasciarono Mayall per dedicarsi al nuovo progetto del batterista, la band Colosseum andando registrare il loro primo disco.

John Mayall in quegli anni “svezzò” chitarristi come Peter Green ed Eric Clapton e qui, alla chitarra, c’è un altro strumentista molto influenzato dal blues, Mick Taylor: il repertorio di Bare Wires comprende un’interessante eponima suite che occupa a prima facciata suddivisa in sette movimenti e composta dallo stesso Mayall nella quale emerge sì l’ambientazione blues ma anche le influenze del jazz: l’apporto dei tre futuri Colosseum è ad un attento ascolto rilevante contribuendo al suono dell’ensemble ed anche con interessanti, direi anzi notevoli interventi solisti. Il tenore di H.S. sul finire del blues “Open a new door” chiusa dalla sezione fiati di Heckstall Smith, Henty Lowther e Chris Mercer, lo splendido duetto batteria – armonica (di Mayall) di “Fire” (una personale rilettura del tradizionale americano “Dark is the colour of my true love’s hair”) e lo splendido lavoro di Tony Reeves in ”Look in the Mirror” che chiude la suite con la batteria di Hiseman e il sax di Heckstall Smith (non sentite già il profumo di Colosseum?) sono solo tre momenti della suite, forse una delle composizioni più articolate uscite dalla penna di John Mayall che splende anche per gli arrangiamenti e per la composizione dei Bluesbreaker nei quali oltre alla voce e le tastiere del leader brilla per i sempre indovinati interventi della chitarra del grande Mick Taylor.

La seconda facciata si apre con lo slow blues “I’m a Stranger” con la sezione fiati in evidenza che sostengono la voce e marcano il tempo – notevole il lavoro del drumming di Hiseman – ed infine tengo a citare “She’ Too Young”, un altro blues a firma Mayall con i soli del sax tenore e di batteria.

Bare Wires” è a mio avviso l’ultimo grande disco di John Mayall, “British Blues” ed ha avuto anche il “grande merito” di essere stato la causa del divorzio dai tre futuri Colosseum.

Per completezza segnalo in oltre che nell’antologia “Thru The years” pubblicata nel 1971 che contiene registrazioni dal ’65 all’aprile del ’68 sono presenti altri due brani provenienti dalle session di “Bare Wires”, ovvero “Knockers Step Forward” con Heckstall Smith, Hiseman e Reeves e “Hide and Seek” con i soli Hiseman e Reeves; nella ristampa su CD con 6 inediti son presenti ai due già citati inediti “Jenny”, “Knocker’s Step Forward”, “Start Lookin’” e “Intro – Look at the Girl”.

(Google English)

This reincarnation of the Bluesbreakers was short-lived after the recording of this significant “Bare Wires” in April of ’68 and produced by Mike Vernon and John Mayall: after a few months, in August, Tony Reeves, Dick Heckstall Smith took up their instruments and together with John Hiseman they left Mayall to devote themselves to the new project of the drummer, the Colosseum band, going to record their first album.

John Mayall in those years “weaned” guitarists like Peter Green and Eric Clapton and here, on the guitar, there is another instrumentalist very much influenced by the blues, Mick Taylor: the repertoire of Bare Wires includes an interesting eponymous suite that occupies a prima facade divided into seven movements and composed by Mayall himself in which the blues setting emerges but also the influences of jazz: the contribution of the three future Colosseum is to a careful and relevant listening contributing to the sound of the ensemble and also with interesting, I would say indeed notable solo interventions. The tenor of H.S. at the end of the blues “Open a new door” closed by the wind section of Heckstall Smith, Henty Lowther and Chris Mercer, the splendid drum – harmonica duet (by Mayall) of “Fire” (a personal reinterpretation of the traditional American “Dark is the color of my true love’s hair “) and Tony Reeves’ magnificient work in” Look in the Mirror” which closes the suite with Hiseman’s drums and Heckstall Smith’s sax (don’t you already smell Colosseum?) are just three moments of the suite, perhaps one of the most articulated compositions to come out of John Mayall’s pen which also shines for the arrangements and for the composition of the Bluesbreaker in which in addition to the voice and keyboards of the leader shines for the always guessed interventions of the guitar of the great Mick Taylor.

The second side opens with the slow blues "I'm a Stranger" with the horn section in evidence that support the voice and mark the time - notable the work of Hiseman's drumming - and finally I want to quote "She 'Too Young" , another blues signed by Mayall with the solos of the tenor sax and drums.
In my opinion, "Bare Wires" is John Mayall's latest great album, "British Blues" and also had the "great merit" of being the cause of the divorce from the three future Colosseums.
For the sake of completeness, in addition to the anthology "Thru The years" published in 1971, which contains recordings from '65 to April '68, there are two other songs from the sessions of "Bare Wires", or "Knockers Step Forward" with Heckstall Smith, Hiseman and Reeves and "Hide and Seek" with only Hiseman and Reeves; in the reissue on CD with 6 unreleased tracks, the two previously mentioned unreleased songs "Jenny", "Knocker's Step Forward", "Start Lookin '" and "Intro - Look at the Girl" are present.

MILES DAVIS “The Bootleg Series volume 5: Freedom Jazz Dance”

MILES DAVIS  “The Bootleg Series volume 5: Freedom Jazz Dance”

MILES DAVIS  “The Bootleg Series volume 5: Freedom Jazz Dance”

COLUMBIA LEGACY 3 CD, 2016.

di Alessandro Nobis

Questo quinto volume della serie “Bootleg” pubblicata dalla Columbia Legacy non deve trarvi in inganno: si tratta non di nuove pubblicazioni ma di materiale già pubblicato nel 1998 dalla benemerita Mosaic Records in uno dei monumentali e succulenti cofanetti in vinile (10 LP in questo caso) – fuori catalogo da tempo – dedicati a Davis, ovvero “The Complete Studio recordings of the Miles Davis Quintet 1965 – June 1968” e contemporaneamente in un Box CD dalla stessa Columbia.190324922390

Detto questo, se non avete alcunchè nella vostra discoteca del dreamteam Carter – Davis – Hancock – Shorter e Williams (nemmeno “Miles Smiles”, per fare un esempio), questo triplo Cd dal prezzo accessibile fa per voi. Tre ore circa di registrazioni, di Alternate Takes, di indicazioni della voce Miles Davis verso i compagni che danno l’idea del work in progress di questo straordinario combo che in meno di quaranta mesi diede alle stampe dischi in studio come quello già citato, “E.S.P.”, “Sorcerer” e “Nefertiti”, oltre a fornire materiale per i seguenti “Miles in the Sky”, “Filles De Kilimanjaro”, “Water Babies” e “Circle in the Round” mentre dal vivo suonava brani del vecchio repertorio.

Come tutti gli appassionati di jazz sanno, siamo di fronte ad uno massimi livelli raggiunti dalla musica afroamericana in assoluto, musica che, come afferma il trombettista inglese Ian Carr nella sua biografia davisiana “servì a definire un’area di astrazione sonora a cui molti musicisti di jazz ancora si riferiscono”.

Per gioco segnalo “Footprints” di Eddie Harris, la shorteriana “Dolores” e “Country Son” dello stesso Davis nella quale la ritmica definisce parti e suono d’assieme.

E’ tutto oro che luccica, grasso che cola, cascata di diamanti, eccetera eccetera………fate un po’ voi.

 

 

 

BILL EVANS “Some Other Time”

BILL EVANS “Some Other Time”

BILL EVANS

“Some other Time: The Lost Sesson from the Black Forest”
 – Resonance 2CD, 2LP 2016

di Alessandro Nobis

“Record Day Store” o no, sia benedetto questo doppio LP che ci regala due ore di paradisiaco jazz – per di più inedite – del trio di Bill Evans targato 1968, ovvero quello con l’allora ventiseienne Jack DeJohnette (che da lì a qualche mese entrò a far parte del gruppo di Miles Davis) e il contrabbassista ventiquattrenne Eddie Gomez.

Sul pianismo di Bill Evans e sulla sua influenza su pianisti e chitarristi sono stati scritti fiumi d’inchiostro dai più autorevoli critici specializzati, certo è che la sua figura è senz’ombra di dubbio fondamentale anche per i suoi lavori solo, in duo (con Jim Hall) ed in trio (uno su tutti, quello con Paul Motion e Scott LaFaro).6a00e008dca1f088340163066ca3cd970d-500wi

Questa session – registrata il 20 giugno del 1968 – è rimasta inedita misteriosamente fino ad oggi, è l’unica in studio e risale a cinque giorni dopo la registrazione pubblicata dalla Verve dell’esibizione al Festival di Montreal, in Svizzera: naturalmente parliamo di jazz sublime, che scorre con una fluidità, un senso dell’estetica e del lirismo che la musica afroamericana – ma allargherei il discorso alla musica del Novecento in toto – ha raramente raggiunto. Queste sessions avrebbero dovuto in realtà produrre un LP – era d’accordo anche Helen Keane, manager del pianista americano – ma poi non se ne fece nulla ed i nastri finirono ahinoi in qualche magazzino fino a quando vennero rispolverati e pubblicati, dopo quasi cinquanta anni: il disco 1 include anche brani in duo (ad esempio “These Foolish Things” e “I Remember April”), l’altro il disco come avrebbe dovuto essere pubblicato.

Due ore di Paradiso. Non artificiale.

QUICKSILVER MESSENGER SERVICE “Live at Fillmore East”

QUICKSILVER MESSENGER SERVICE “Live at Fillmore East”

QUICKSILVER MESSENGER SERVICE

“LIVE AT FILLMORE EAST, 7 Giugno 1968”

Purple Pyramid, 2015. 2CD, 2LP

di Alessandro Nobis

Tra i numerosi concerti dei californiani Quicksilver Messenger Service pubblicati negli ultimi anni, vi segnalo questo doppio CD pubblicato nel 2013: ve ne parlo perché da pochissime settimane è disponibile anche in vinile, un doppio ellepì a busta unica con ahimè però la copertina diversa.

Chi c’era quella sera del 7 giugno 1968 al Fillmore East di New York (dove di lì a poco gli Allman avrebbero registrato il leggendario “Live at Fillmore”) non l’avrà dimenticata, visto che in cartellone oltre ai QMS c’erano gli Steppenwolf e gli Electric Flag di Mike Bloomfield che da poco aveva lasciato la band di Paul Butterfield.

Gary Duncan, John Cipollina, David Freiberg e Greg Elmore suonano come al solito un rock blues acido infuocato intriso di psichedelia e di lunghe improvvisazioni, con un repertorio che comprende molti originali e classici come “If you live” di Mose Allison, “Who do you love” e “Back Door Man” di Bo Diddley e “Smockestack Lightinin’” di Howlin Wolf. Molti ritengono i Quicksilver la band più rappresentativa della San Francisco di quegli anni, equiparati ai Grateful Dead con i quali condivisero il modo “aperto” di suonare dal vivo in lunghe jam, forse le prime “Jam Band” del rock americano.

Questo concerto (in realtà le serate furono due) seguì da poco la pubblicazione del loro primo album e anticipò il loro secondo, quello con la copertina del cowboy che saluta agitando il cappello e con il brano che li rese celebri, “Who do you love”. Pertanto il repertorio suonato si rifà ai quei due dischi, “Pride of Man”, “Dino’s Song” e “The Fool” tratti dal primo e “Mina”, “Calvary” e la già citata “Who do you love” da “Happy Trails”.

Le due chitarre di John Cipollina e Gary Duncan in gran spolvero, sezione ritmica metronometrica, musica stellare che mi fa venire la voglia di accendere la macchina del tempo.

Ascoltatelo bene, ad occhi chiusi: sentirete ancora uscire dai solchi l’odore acre del Fillmore East.