GATOS DO MAR “La Sindrome di Wanderlust”

GATOS DO MAR “La Sindrome di Wanderlust”

GATOS DO MAR “La Sindrome di Wanderlust”

RadiciMusic Records. CD, 2019

di Alessandro Nobis

Vengono dall’area metropolitana di Napoli Annalisa Madonna, Gianluca Rovinello e Pasquale Banincasa, i “Gatos do Mar” e questo “La Sindrome di Wanderlust” è il loro secondo brillante episodio dopo “La Zattera”. Anche i Gatos Do Mar procedono lungo un linguaggio che nasce dalla combinazione di tradizione con sonorità e composizioni che vengono da culture altre. La cifra stilistica del trio si identifica a mio avviso con la capacità di equilibrare atmosfere diverse con arrangiamenti interessanti e piuttosto originali: notevoli “Violeta”, il brano dedicato a Violeta Parra che racconta del suo ultimo giorno di vita con il gioco arpa – percussioni ed il solo al sax di Pino Ceccarelli e la voce di Annalisa Madonna che fa propria anche la nostalgica “Sodade” di Cesaria Evoria. Si parla di nostalgia, di viaggi (La Sindrome di Wanderlust è la sindrome del viaggiatore), di lontananza ma anche di vita nuova come nella splendida e dolcissima ninna nanna “Del Leone” con un carillon che invita il bambino al sonno, della cultura Yoruba che dà spunto a Malashaima, isola immaginaria dove naufragano i musicisti di tutto il mondo, con un significativo solo di Luigi Esposito alla fisarmonica e la suggestiva ed efficace polifonia.

Si parte dal porto di Napoli quindi e si viaggia nelle culture atlantiche con la terra di origine nell’anima (la ballata “’Noppa Funtana” e “Jemanjà”) e soprattutto con il timone ben saldo e con una combinazione di suoni originale nella quale l’arpa di Gianluca Rovinello e la voce di Annalisa Madonna con le coloriture del percussionista Pasquale Benincasa fanno di questo “La Sindrome di Wanderlust” un lavoro da ascoltare con tutta l’attenzione che merita e che apprezzerete.

http://www.gatosdomar.it www.facebook.com/Gatosdomar

BlueArt Promotion – Ufficio Stampa & Promozione

Rosario Moreno – Mobile: +39 335 52 57 840 – moreno@blueartpromotion.it

Paola Pastorelli – Mobile: +39 366 155 55 26 – paola.pastorelli@blueartpromotion.it

info@blueartpromotion.it  www.blueartpromotion.it

 

CARLO RISPOLI “The Cruise of Pequod”

CARLO RISPOLI “The Cruise of Pequod”

CARLO RISPOLI “The Cruise of Pequod”

Edizioni Segni D’Autore, 2019. 210 x 297, 86 pagine, € 19,90

di Alessandro Nobis

Nel bel mezzo dell’immenso oceano letterario immaginario e reale disegnato tra l’“Isola del Tesoro” e “Moby Dick” Carlo Rispoli (illustratore, sceneggiatore e narratore della storia di John Silver) immagina lo scorrere della sorprendente ed originale trama di “The Cruise of Pequod” che inizia esattamente dove terminava il precedente “La Isla Desconocida” (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2019/05/14/carlo-rispoli-la-isla-desconocida/)ovvero quando “Barbecue” Long John Silver lascia l’isola a bordo di una piccola barca e viene raccolto da Shorty, marinaio attorno al quale ruota questo avvincente romanzo grafico.

mpbyTra ammutinamenti e contro ammutinamenti, tra citazioni latine e bibliche, le tavole talvolta appena abbozzate e rigorosamente in bianco e nero, i dialoghi come nello stile di Rispoli efficaci nella loro essenzialità; con il leviatano Mocha Dick sempre in agguato sotto il pelo dell’acqua, si scopre che il Capitano Achab, quello del Pequod, non è più a bordo della baleniera e che il suo posto è stato preso da Mademoiselle Ahab, defestrata dal suo incarico dalla ciurma messa nelle mani di Silver, a sua volta “buttato a mare” dal Marinaio Shorty, l’unico sopravvissuto della ciurma del vecchio Pequod del Capitano Achab.

Long John Silver viene lanciato in mare in un sacco di iuta e misteriosamente si risveglia sull’Isola e ricorda questa avventura: ma è successo veramente o è stato tutto un sogno? Scegliete voi, naturalmente.

http://www.segnidautore.it

 

 

CASATI / POZZA / CERRUTI / CERVETTO “Melodies”

CASATI / POZZA / CERRUTI / CERVETTO “Melodies”

CASATI / POZZA / CERRUTI / CERVETTO “Melodies”

Caligola Records. CD, 2019

di Alessandro Nobis

Qui “si va” di standards. Ovvero di brani accuratamente scelti di autori che fanno parte della storia della musica afroamericana vicino ad altri di autori meno frequentati dai jazzisti; facile cadere nel tranello della sterile riproposizione calligrafica, ma in questo “Melodies” (titolo invero emblematico) Giampaolo Casati, Andrea Pozza, Dino Cerruti e Rodolfo Cervetto pur rimanendo nel profondo e largo solco del maistream riescono a dare un’interpretazione personale agli spartiti degli undici brani scelti per questa produzione dell’attiva Caligola Records. Ok, ci sono Ellington e Strayhorn, Parker e Cole Porter, ma a mio avviso l’originalità del repertorio stra nei brani scritti da autori contemporanei che molti hanno avuto la fortuna di vedere sul palco di qualche festival jazz; la splendida interpretazione della ballad di Charlie Haden “Our Spanish Love Song” (dal repertorio del duo con Pat Metheny) con l’evocativa intro di contrabbasso al quale si aggiunge il pianoforte di Pozza e con un pacato e impeccabile solo di fugelhorn, “Lawns” di Carla Bley (registrata nell’87 con il suo sestetto) con il dialogo contrabbasso – pianoforte e con il tema esposto dalla tromba di Casati, o ancora “Sail Away” di Tom Harrell che con il suo incedere mi sembra un doveroso omaggio a certo cinema noir francese e del quale segnalo l’appropriato ed efficace fraseggio del pianoforte. Infine la pregevole introduzione della tromba di Casati al memorabile “blues standard” ellingtoniano “Paris Blues” e la rilettura (con sordina) del Charlie Parker di “Quasimodo”.

“Melodies” si ascolta con grande piacere e tutto di un fiato e sempre interessante trovo ascoltare come i classici del jazz, nelle mani di altri che non siano i loro autori, possano sempre svelare angoli e segreti nascosti sì nel pentagramma ma anche nell’anima di chi vuole farli propri.

IL DIAPASON intervista MAURIZIO DIAMANTINI, organettista

IL DIAPASON intervista MAURIZIO DIAMANTINI, organettista

IL DIAPASON intervista MAURIZIO DIAMANTINI, organettista

di Alessandro Nobis

Una piccola comunità montana, a circa 700 metri di quota ad una trentina di chilometri da Verona nella Lessinia Occidentale a due passi dal Ponte di Veja, ospita da qualche tempo a cadenza mensille un’imteressante iniziativa che riguarda la cultura popolare ed in particolare la tradizione musicale che si tengono nel veronese e che, come sentiremo, è riuscita a coinvolgere piano piano numerosi musicisti ed appassionati del ballo popolare di province e regioni limitrofe. Si sta assieme, si suona, si balla, si mangia (e si beve del buon vino) in modo del tutto informale: non si cerca di rivivere il passato, fatto in queste zone di vita assolutamente grama, ma si sta assieme dimenticando tutto il resto per lo spazio di un pomeriggio domenicale tra amici ballando i ritmi che le persone e la storia ci hanno tramandato e che non dobbiamo dimenticare. Un modo di fare comunità, quello del BalFolk, molto più praticato di quello che si crede in Italia ed in molti altri Paesi europei che hanno conservato anche sviluppandole, le tradizioni popolari nello specifico musicali e coreutiche.

A Verona, a Giare, artefici di questi appuntamenti sono alcuni appartenenti al Gruppo Ricerca Danze Popolari, ensemble costituitosi nel 1980 e con numerose attività in corso, come vedremo. Per conoscere meglio questa iniziativa  Il Diapason ha incontrato l’organettista Maurizio Diamantini, uno dei promotori assieme a Luisa Capitani di questa iniziativa.

49676452_2058514787542758_195670210265481216_n– Innanzitutto sono curioso di conoscere come è nata l’idea di questi incontri con le danze popolari e soprattutto come siete venuti a conoscenza di questo straordinario spazio in quel di Giare che non è esattamente alle porte di Verona.

– 23 anni fa abitava a Marano di Valpolicella Olivier Jay, venuto in Italia per imparare a costruire organi per le chiese. Notevole violinista, ha suonato molti anni or sono anche con il Canzoniere Veronese di Grazia De Marchi.
Olivier dava lezioni di organetto, strumento suonato da pochissimi virtuosi a quel tempo, come Roberto Lucchese dei Noctua. Cosa c’entra tutto questo con Giare? :
a Chambery, dove abitava Olivier, i suonatori tradizionali locali si trovavano periodicamente per suonare insieme e far ballare le persone che partecipavano a queste feste.
Luigia ed io andavamo a lezione di organetto da Olivier. Un giorno ad Olivier è venuta l’idea di riproporre a Verona l’esperienza francese della “ banda larga” così siamo andati a Giare a parlare con Don Giovanni Gottoli che ha messo a disposizione il fantastico teatrino.
Notevole l’affluenza di ballerini e suonatori negli anni, provenienti da tutto il nord Italia.

– Sono convinto che la musica tradizionale da molti anni abbia perso la sua funzione originaria di accompagnamento al ballo popolare. Mi sembra che la vostra iniziativa vada nel senso della sua ricontestualizzazione. Cosa ne pensi?

Chi viene a Giare sa che la proposta, sia delle musiche che dei balli, è il più possibile tradizionale. Certo che i giovani danzatori preferiscono musiche arrangiate e magari suonate sia a volume che a velocità “differenziati”, mentre a Giare si suona rigorosamente dal vivo senza amplificazione. La creazione di danze popolari, cioè create dalla comunità e non da un coreografo, penso che si sia fermata ben prima degli anni 50′, noi riproponiamo la storia della danza popolare con qualche eccezione. In particolare proponiamo i “repertori” ancora vivi nell’Italia settentrionale-centrale, come le danze venete (raccolte da Guglielmo Pinna e altri ricercatori), le danze delle valli Occitane d’Italia, le danze delle 4 province (Cegni), le danze dell’Appennino bolognese, le danze della Romagna.

GIARE 01

– Come sono organizzate queste “domeniche” di Bal Folk a Giare? C’è un nucleo di strumentisti fisso o lo spirito è quello della session informale alla quale possono partecipare suonatori diversi?

– La partecipazione alla session è libera e chiunque può partecipare, basta che la proposta musicale rientri nel balfolk ”tradizionale” Molti suonatori veronesi sono venuti nel “teatrino”: ad esempio Alfredo Nicoletti, Massimo Muzzolon, Livio Masarà, Francesco Pagani, Anna Veronese, Mirco Meneghel, Guido Gonzato e Otello Perazzoli.

– Alcuni di quelli che hai citato fanno parte o hanno fatto parte in passato di ensemble legati al fenomeno del folk revival, come il Canzoniere Veronese o i Folkamazurka. Come vedi questa corrente di pensiero secondo la quale per perpetuare la musica popolare è necessario “anche” scrivere brani originali o introdurre suoni ed arrangiamenti più attuali.

– A Giare l’idea è quella di riproporre le musiche il più possibile simili a quelle che gli informatori ci hanno proposto, abbiamo un repertorio di 500 – 600 danze, e per un po’ possono bastare (direi, n.d.r), lasciando ad altri l’innovazione.

– Ho visto esibirvi anche indossando abiti che in qualche modo ricordano quelli del passato. Ma cosa è che vi distingue dai gruppi considerati prettamente “folcloristici”? –

L’abito che indossano i ballerini è “freefolk” un abito di foggia fine 800′ non ben localizzato geograficamente. La differenza tra i gruppi di danza popolare e i gruppi folk sta nel mantenimento della coreografia tradizionale, senza cambiamenti per i gruppi di danza popolare, mentre i gruppi folkloristici compiono operazioni di forte rimaneggiamento delle coreografie.
Un altro discorso va fatto sugli strumenti musicali….. non sempre si possono suonare i repertori con gli strumenti originari (es. la polka saltini con il piffero)

– I ballerini “di Giare” fanno parte di qualche gruppo in particolare o anche in questo caso c’è una certa “apertura”?

Giare è un porto di mare…. nel tempo si sono alternati flussi di ballerini provenienti dall’Emilia-Romagna, dal Veneto, dalla Lombardia, e, ultimamente, dal Trentino.

– Come Gruppo Ricerca Danze Popolari avete partecipato recentemente al Tocatì in Piazza Dante raccogliendo apprezzamenti dal pubblico. C’è sempre qualche contatto con nuovi appassionati che vi chiedono di partecipare ai vostri corsi ed incontri?

Negli ultimi anni molti giovani si sono avvicinati alle danze popolari, complice una mazurka della Guascogna che ai ragazzi piace molto. All’interno del GRDP hanno creato un gruppo giovani che gestiscono indipendentemente.

– Qual’è il repertorio al quale fate riferimento, o meglio i repertori, considerato che arrivano suonatori e ballerini anche da altre aree e che a Verona ci sono altri gruppi che praticano il ballo popolare?

– A Verona esistono altri gruppi danza e ogni gruppo ha un’area ben definita: “Tamzarà” propone danze dell’est Europa ed israeliane, I “GRECI” ( gruppo ricerca ellenistico coreutico italiano) propone danze greche, il Gruppo di Francesco Pagani danze e canti veneti, il GRDP danze europee. Il gruppo Ammutinati di Piovezzano bal folk.A Giare proponiamo tutti questi repertori.

– So che partecipate ad eventi in altre regioni ed anche all’estero. Qual è la situazione del BalFolk fuori dalle mura veronesi? Mi sembra che qui siano molto poche le occasioni per ballare la musica popolare, eccezion fatta per quelle organizzate dagli amici salentini ma si sa, la “pizzica” è un fenomeno di massa …..

Alla FolkBanda (https://www.facebook.com/FolkBanda-verona-881619381917055/), o parte della band, non sono mancati ultimamente appuntamenti internazionali suonando danze venete e trentine per diversi gruppi danza: siamo andati in Brasile, Stati Uniti, Nepal, Armenia, Georgia, Francia, Portogallo, Croazia, ed in novembre saremo in India. A Verona il GRDP organizza parecchi concerti con musicisti internazionali ma non sono molto pubblicizzati o non pubblicizzati sui media.
Per quanto riguarda la pizzica indubbiamente è un richiamo per i giovani. Fortunatamente, a seguito del Tocatì è iniziata una collaborazione con l’AGA, e quindi, sul Lungadige San Giorgio non assisteremo solo a danze pugliesi ma anche a danze venete (
evviva! n.d.r.)

– Con quale frequenza vi incontrate a Giare e soprattutto, gli incontri sono aperti a tutti?

– A Giare ci troviamo una volta al mese (https://www.facebook.com/Danze-Popolari-Giare-142328762494713/r)e come ho detto prima la partecipazione sia dei musici che dei ballerini è libera e gratuita.

– C’è qualche abitante di Giare o dintorni che partecipa? I vostri contatti quali sono?

A Giare c’è stata una forte immigrazione, specie di rumeni, che si affacciano al teatro quando sentono musiche del loro paese. Quasi nulla la partecipazione dei paesani “autoctoni” con i quali, comunque, i rapporti sono buoni.

– Le prossime iniziative didattiche e di Bal Folk?
– Sul sito(http://www.gruppodanzeverona.com/)si possono trovare gli appuntamenti annuali del gruppo. Il prossimo appuntamento il domenica 20 ottobre ore 16.30.


SUONI RIEMERSI: “Verona, dedicato a John Lennon”

SUONI RIEMERSI: “Verona, dedicato a John Lennon”

SUONI RIEMERSI: “Verona, dedicato a John Lennon”

Il Posto Records. 2LP, 1990

Sono trascorsi ventinove anni dalla pubblicazione – prodotta da Luciano Benini e dalla sua etichetta “Il Posto Records” – di questa lucida testimonianza del frizzante panorama musicale di Verona dedicata al songbook di John Lennon, assassinato dieci anni prima. Confesso che era un bel po’ che non rimettevo sul giradischi questi vinili, e mi viene spontaneo affermare che musica che ho ascoltato è che ancora oggi di assoluto livello sia nella progettazione artistica del lavoro curata da Francesco Sbibu Sguazzabia che nella sua realizzazione, facendomi ritornare ai tempi de “Il Posto” di Luciano Benini (ideatore di questo progetto), il locale veronese che in quegli anni offriva una programmazione di livello veramente notevole appetibile per tutti i palati.

R-6322261-1424185027-5674.jpegIn questo lodevolissimo lavoro sono rappresentati molti dei linguaggi musicali frequentati dai musicisti coinvolti come si legge nella scaletta sotto riportata: dal jazz al rock più arcigno, dalla canzone d’autore alla musica ambient, dalla fusion al canto lirico, tutti concentrati ad interpretare lo splendido ed immortale songbook di John Lennon.

Voglio a questo punto indicare un brano per facciata che durante l’ascolto mi ha questa volta più colpito per la scelta dell’arrangiamento e per la qualità dell’interpretazione, e come sempre accade quando si ascoltano questi lavori antologici a seconda del proprio stato d’animo si fanno delle scelte sempre diverse: oggi quoto “Nowhere Man” di Beppe Castellani con una splendida versione solistica al tenore, la magnifica “Yer Blues” del trio del baritonista Bruno Marini con Gianni Sabbioni e Cesare Valbusa, “Imagine” del Tu whit, tu whoo Trio in una originale interpretazione ambient e “Nobody Loves You”, testo in italiano di Duilio Del Prete con la splendida voce di Grazia De Marchi accompagnata dall’impeccabile Giannantonio Mutto al pianoforte.

Peccato che questo lavoro non sia stato mai pubblicato su compact disc o sulle piattaforme digitali perché potrebbe avere finalmente l’attenzione di un pubblico molto più vasto di quello che in passato abbia avuto.

Una fotografia delle Verona musicale di quegli anni, ricchissima di musicisti di alto livello che componevano una scena che poche altre città potevano vantare.

All’interno un inserto con i testi, commenti di Luciano Benini, del Movimento Nonviolento, di Riccardo Bertoncelli, Enrico De Angelis e Giampaolo Rizzetto; grafiche di Loretta Sacconelli e la copertina di Gianni Zampolli.

Questa la scaletta dei brani:

NOWHERE MAN: BEPPE CASTELLANI, sax tenore

HELP: CARILLON (Fabrizio Renato, Giampaolo Vidali, Riccardo Aganetto, Bruno Brunati, Roberto Castellani)

TOMORROW NEVER KNOWS: TEOK HAMOLA TRIO (Matteo Ederle, Silvio Galasso e Moreno Adami)

STRAWBERRY FIELDS FOREVER: VITTORIO FRAJA, MATTEO EDERLE, GIANNI SABBIONI

ALLA YOU NEED IS LOVE: GISELLA FERRARIN (voce), ENRICO BENTIVOGLIO (tastiere)

ACROSS THE UNIVERSE: STEFANO BENINI 4et (Stefano Benini, Paolo Birro, Lorenzo Conte, Andrea Michelutti)

I AM THE WALRUS: N.A.D. (Roberto Zorzi, Nicola Salerno Enrico Terragnoli, Alberto Olivieri, Egidio Zancanari)

JULIA: CRISTINA PASTORELLO (voce), GIANANTONIO MUTTO (pianoforte)

YER BLUES: BRUNO MARINI (sax baritono), GIANNI SABBIONI (contrabbasso), CESARE VALBUSA (Batteria)

MEDLEY (BECAUSE / OH MY LOVE / LOVE): Luciano Benini (voce effetti), VLADIMIRO MARINESI (chitarra), DAVID BENINI (voce effetti), CARLO “CHARLIE” CASAROTTI (voce)

WORKING CLASS HERO: CRISTINA MAZZA (sax alto), GIANNI SABBIONI (contrabbasso), SBIBU (gong)

MOTHER: MARCO ONGARO (voce), BRUNO MARINI (sax baritono), MARCO PASETTO (clarino), GIANNI SABBIONI (contrabbasso), ALBERTO OLIVIERI (batteria)

GOD: CHARLIE WHITE COMBO (Carlo Degani, Roberto Ceruti, Almito Cornucci, Cesare Valbusa, Tiziano Ferraro, Antonio Canteri)

IMAGINE: TU WHIT TU WHOO TRIO (Stefano Benini, Enrico Terragnoli, Sbibu)

IMAGINE: BOO BAHP SINGERS (Renata Bertolas, Gaetano Lonardi, Vittoriana Macchi, Stefano Panarotto, G. Antonio Mutto, Gianni Sabbioni, Marco Pasetto)

MIND GAMES: Marco Attard (voce), Marco Fasoli e Alessandro De Marco (violini), Gaetano Soliman (viola), Savina Zampieri (violoncello), Ivano Avesani (contrabbasso)

NOBODY LOVES YOU: GRAZIA DE MARCHI (voce), G, Antonio Mutto (pianoforte)

WOMAN: TASCHEPIENE (Diego Chiuppani, Fabio Cobelli, Renato Castellazzi, Francesca Paolini)

BEAUTIFUL BOY: RICCARDO MASSARI (pianoforte), Marco Pasetto (clatino – ocarina), Claudia Pasetto (viola da gamba)

GIVE PEACE A CHANCE: SBIBU, LA GENTE DEL POSTO, RHONDA MOORE e JUDY DILLON (voci)

 

 

 

SERENA SPEDICATO – NICOLA ANDRIOLI “The Shining of Things”

SERENA SPEDICATO – NICOLA ANDRIOLI “The Shining of Things”

SERENA SPEDICATO – NICOLA ANDRIOLI

“The Shining of Things”

DODICILUNE RECORDS CD Ed 425, 2019

di Alessandro Nobis

Per quelli che come me scoprirono l’unicità del timbro vocale e l’intensità della musica di David Sylvian ascoltando i Japan di “Gentlemen Take Polaroids” del 1980 e del seguente ”Tin Drum”, sapere che molti anni dopo un gruppo di musicisti legati più al jazz che al rock più raffinato avrebbe frequentato quei territori musicali sarebbe stato difficile solo immaginare. Invece ecco che Serena Spedicato e Nicola Andrioli in compagnia di Michele Rabbia e Kalevi Louhivuori si immergono nell’analisi del songbook di Sylvian, scelgono alcune pagine del periodo post-Japan, entrano in uno studio di registrazione e confezionano un disco a mio avviso alquanto significativo: non solo per avere fatto “entrare” Sylvian nell’ormai ampia cerchia degli autori di “standard” o per aver avuto la delicatezza ed il rispetto verso la sua musica della quale si percepiscono naturalmente in modo netto le melodie, ma anche e forse soprattutto per l’interpretazione della sua musica grazie agli arrangiamenti – e qui va citato il pianista Nicola Andrioli per cura con la quale li ha curati – che mettono in evidenza la voce straordinaria e delicata di Serena Spedicato. La cantante salentina opportunamente  sceglie di vestire della sua sensibilità e background musicale i brani di Sylvian, la tromba ed il flugelhorn di Kalevi Louhivuori sono una presenza determinante quanto lo sono gli effetti elettronici,  cromatici, bellissimi e sempre appropriati curati dal trombettista e dal batterista Michele Rabbia.

“Canzoni” come “Heartbeat” scritta in collaborazione con Airto Lindsay e Ryuky Sakamoto con il tappeto polifonico che scorre come un tappeto sonoro durante l’esecuzione del brano, il flugehorn che apre la lunga “Brilliant Trees” e poi dialoga con il raffinato pianismo jazz di Andrioli e si apre ad un solo di tromba “effettata” spostano il baricentro dell’opera di David Sylvian appunto verso il jazz, quello europeo, quello più raffinato, quello che non si autocelebra ma che invece va alla ricerca di nuova linfa trovandola “altrove”.

Spero di aver reso “l’idea” che si cela dentro questo “The Shining of Things” che mi permetto di consigliare caldamente anche a chi apprezza la musica di Sylvian.

Anzi, lo consiglio soprattutto a questi ultimi.

 

TERREMOTO VERONA 1891 (quotidiano ARENA, quarta parte)

TERREMOTO VERONA 1891 (quotidiano ARENA, quarta parte)

TERREMOTO VERONA 1891 (quotidiano ARENA, quarta parte)

“IL TERREMOTO DELL’ALTRA NOTTE” 8 – 9 GIUGNO 1891

A TREGNAGO.

Come entità di danni certo Tregnago e Badia Calavena sono in prima linea.

Tregnago è addirittura sconquassato.

Non una casa è illesa, il 60 per cento inabitabile, e tutta la popolazione bivacca in piazza, sotto un centinaio e mezzo di tende militari fornite da S. E. il generale Pianell.

Settantacinque soldati del Genio, comandati da un capitano, sono occupati a piantare le tende, a sorvegliare le case che minacciano di sfasciarsi.

I feriti dalle case cadute sono cinque. Di morti, oltre la donna ieri già ricordata, fortunatamente non ve ne furono.

Il disastro per Tregnago fu tremendo.

Muri colossali furono divelti, sollevati dal suolo dall’arcana forza sotterranea; case vecchie, che avevano resistito a fenomeni d’ogni sorta furono letteralmente aperte, sventrate, e le cancellate delle ville contorte, le porte più solide spezzate.

Dappertutto rovina e desolazione.

La popolazione è come inebetita e si aggira fra quelle rovine apaticamente, ancora sotto la dolorosa impressione dello spavento.

Non sa darsi pace di tanta e così dubitanea desolazione.

A Cogolo è pericoloso passare nella via che costituisce la frazione perché la maggior parte delle case minacciano di cadere.

A Badia Calavena eguale stato di cose.

Cinque persone, in una delle case sfasciatesi si poterono miracolosamente salvare rifugiandosi sotto un grosso trave che sorresse parte del materiale soprastante che precipitava.

I danni da calcoli sommari fatti da persone tecniche, ammontano a circa 400 mila lire.

Questa mattina sono partiti alla volta di Tregnago i deputati Miniscalchi e Poggi per poter farsi un esatto concetto del disastro e poterne riferire con sollecitudine al Ministero.

*

Dalla provincia poi non riceviamo altre notizie allarmanti. Dappertutto la scossa fu udita, ma non recò danni notevoli.

DA TREGNAGO.

ALL’ULTIMA ORA. Ci scrivono ore 8 ant.

Dopo la scossa tremenda di ieri mattina, ne vennero segnalate alle 6 m. 7 ant., a mezzodì, alle 5 e 12 pom., alle 10 pom. E questa mattina altra verso le 5 ant.

Tutta la popolazione bivacca all’aperto essendo ridotte inabitabili quasi tutte le case. Abbiamo tra noi una compagnia del genio che prestò i soccorsi più urgenti. Per colmo di sventura si sono manifestati due casi d’angina, la quale in tanto agglomeramento di persone potrà facilmente diffondersi.

Il Ministero ha frattanto telegraficamente mandato L. 1000, per i bisogni che non soffrono delazione: si stanno attendendo altri soccorsi per rimediare in qualche modo all’immane disastro. Nel nostro Comune le case crollate sono 15 e in maggior numero in quello di Badia.

Poche sono le case abitabili, tante e così gravi sono le lesioni manifestate in tutti i fabbricati: sarebbe stato forse meglio che fossero andate in rovina anche questi; pochà non si sa veramente da qual parte cominciare per riattuarla. L’on Miniscalchi ci ha telegrafato da Roma la sua venuta; questa varrà a sollevare gli animi molto abbattuti dalla tremenda sventura. L’opera dei funzionari e delle autorità è superiore ad ogni elogio. U.

DA NOGARA

7 (giugno), ore 1,45.

  1. S.) Stanotte alle ore 2,10 fu avvertita qui grande scossa terremoto ondulatorio che durò due (?) secondi; varie famiglie scesero in strada spaventate. Popolazione assai impressionata. Nessuna disgrazia.

DA MONTECCHIA

Questa notte alle ore dieci si sentì una fortissima scossa di terremoto che durò dieci secondi.

Molta della nostra popolazione, in preda a grande panico, scesero in piazza, nei cortili, istrada.

Rovinò l’alta cupola del campanile traendo con sé il parafulmine ed una croce di ferro. In diverse case si verificarono dei crepacci e molti camini precipitarono al  suolo.

Montecchia di Crosara, 7 giugno 1891.

DA BRENTINO

Ci scrivono:

Qui la scossa ondulatoria si sentì alle ore 2 minuti 12 ant., poi si ripetè leggermente 2.41 e 2.52 e altre due volte non so l’ora precisa.

La prima fu oltremodo forte, tant’è che che sembrava dovesse crollar qualche pezzo di mandorlatoche ci sovrasta e ciò che più impauriva era l’eco del rimbombo nelle circostanti montagne somigliante ad un colpo di cannone sparato in un antro.

Cadde un camino in Rivalta.

DAL LAGO DI GARDA.

Ci scrivono da Malcesine, 7 giugno ore 6 mattina:

Questa notte, 6 sopra il 7, a ore 2 e dieci minuti qui a Malcesine si fece sentire una violentissima scossa di terremoto.

La scossa fu in senso ondulatorio e così prolungata che la gente ebbe tempo di balzare dal letto e di affacciarsi terrorizzata alle finestre continuando ancora a sentire il movimento sussultorio.

Che si sappia nessuna disgrazia, ma lo spavento fu generale in questa popolazione sapendo che la conformazione del suolo è vulcanica ed avendo ancor presenti quelle certe memorabili scosse di terremoto del 1866, 1868, 1874, 1872 e 1882 che diedero poi motivo alla R. Prefettura di inviare sopraluogo il professor Gorjan per studiare il fenomeno.

Dopo la violenta scossa delle ore 2.10, a lunghi intervalli si udirono ancora degli altri rombi che facevano l’effetto di lunghi e giganteschi lamenti che vengono da lontano: molta gente passò il resto della notte all’aperto. (continua)

QUI LA PRIMA PARTE: (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2019/08/30/terremoto-verona-1891-quotidiano-arena-prima-parte/)

QUI LA SECONDA PARTE (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2019/09/20/terremoto-verona-1891-quotidiano-arena-seconda-parte/)

QUI LA TERZA PARTE (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2019/09/29/terremoto-1891-quotidiano-arena-terza-parte/)