SUONI RIEMERSI: Peo Alfonsi & Massimo Ferra “Passi difficili”

SUONI RIEMERSI: Peo Alfonsi & Massimo Ferra “Passi difficili”

SUONI RIEMERSI: MASSIMO FERRA & PEO ALFONSI

“Passi Difficili”

Posada Jazz Project, 1997, CD

di Alessandro Nobis

Nel 1996 i due chitarristi sardi Massimo Ferra e Paolo Alfonsi si aggiudicano la seconda edizione del Concorso nuorese “Posada Jazz Project” e nel febbraio dell’anno seguente entrano all’Audio Studio di Sestu, nel cagliaritano per registrare questo Cd in duo. Si tratta di dodici composizioni originali di Ferra e Alfonsi, alcune delle quali scritte a quattro mani, che rivelano con il piacevolissimo ascolto la loro alchimia musicale: una solidissima preparazione classica, uno sguardo verso il jazz più colto ed i compositori sudamericani (due brani dedicati a Heitor Villa-Lobos) ed una fertile vena compositiva.

IMG_1478Un disco per due chitarre acustiche che dialogano fittamente senza mai cadere nel futile virtuosismo disegnando una geografia sonora inedita i cui punti cardinali sono appunto il background, non solo musicale, di Massimo Ferra e Paolo “Peo” Alfonsi. Come lucidamente scriveva Sergio Carrus “….Certo lo spirito benigno dei grandi padri del jazz aleggia ed è presente, senza mai incidere però più di tanto nella autonoma e personale ricerca musicale intrapresa dai due musicisti “made in Sardinia”.

 

“Gigia” di Alfonsi che apre il disco, “Beguine” di Ferra e l’evocativa “Astor” scritta a quattro mani mi sembrano gli episodi più significativi di “Passi difficili”; Cd che purtroppo non è mai stato in distribuzione ed una cui imprescindibile ristampa sorprenderebbe e soddisferebbe non solo gli appassionati della chitarra acustica.

Ribadisco il concetto: necessita far riemergere questi suoni, necessita ristampa.

 

Annunci