SUONI RIEMERSI: THE CHIEFTAINS

SUONI RIEMERSI: THE CHIEFTAINS

SUONI RIEMERSI: THE CHIEFTAINS “1”

Claddagh Records. LP,CD, 1964

di alessandro nobis

Questo avrebbe dovuto essere un “once-off album”, ovvero l’unico lavoro pubblicato dal gruppo irlandese ma come racconta Fintan Vallely nel suo prezioso volume “The Companion to Irish Traditional Music” (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2016/01/15/fintan-vallely-companion-to-irish-traditional-music/) le cose non andarono proprio così, come la storia ci insegna: “nel lontano 1962 Gorech Browne invitò Paddy Moloney a formare un gruppo per registrare un album per la sua etichetta, la Claddagh Records. Moloney invitò Martin Fay, Sean Potts e Michael Turbridy (che con lui facevano parte del Ceoltóirí Chualann di Sean O Riada, n.d.r.) e David Fallon. Il gruppo, seguendo il suggerimento del poeta John Montague al tempo direttore della casa discografica, si sarebbe dovuto chiamare “The Chieftains””.E questa, amici lettori, è storia.

ceolteoirichualann-25 10 1962.jpg
Ceoltóirí Chualann

E’ vero che la qualità della registrazione non è eccelsa tant’è che per il secondo album la band si sarebbe trasferita in un più attrezzato studio di Glasgow, ma la musica immortalata qui ha lasciato il segno nel recupero e nella diffusione del folk irlandese prima nella stessa Irlanda e nei decenni successivi in tutto il mondo. Caratteristica la strumentazione priva di un qualsiasi strumento a plettro cercando di concretizzare l’idea di Moloney ovvero quella di ottenere un suono il più possibile “domestico”, il più possibile vicino a quello che all’epoca si poteva ascoltare nelle cucine dei cottage o nei pub; un suono che è sempre stato il marchio dei Chieftains almeno fino all’inizio delle collaborazioni con suoni e musicisti lontani dalla musica tradizionale irlandese a cominciare da Van Morrison o quella con i musicisti cinesi, suono inimitabile ed inimitato visto che i gruppi a loro coevi e quelli di più recente costituzione hanno avuto ed hanno nelle loro line-up strumenti a plettro, come la dottrina Planxty ha insegnato.

“1” è quindi considerato il punto di partenza della cinquantennale carriera del gruppo, ed in esso si nascondono delle gemme purissime come il set iniziale che presenta i vari componenti e gli strumenti da loro suonati e del quale segnalo “Trim The Velvet” dove Paddy Moloney imbraccia un set di uilleann pipes costruito da Leo Rowsome,e il travolgente jig “The walls od Loscarroll”. Disco seminale che ha indicato ed illuminato forse più di qualunque altro il percorso della musica popolare irlandese.

Foto Ceoltori: (http://johnkellycapelstreet.ie/project/sean-o-riada-ceoltoiri-chualann/)

  1. Sé Fáth mo Bhuartha / The Lark on the Strand / An Fhallaingín Mhuimhneach / Trim the Velvet –
  2. An Comhra Donn / Murphy’s Hornpipe
  3. Cailín na Gruaige Doinne (The Brown-Haired Girl)
  4. Comb Your Hair and Curl It / The Boys of Ballisodare
  5. The Musical Priest / The Queen of May
  6. The Walls of Liscarroll Jig
  7. An Dhruimfhionn Donn Dílis
  8. The Connemara Stocking / The Limestone Rock / Dan Breen’s
  9. Casadh an tSúgan
  • The Boy in the Gap
  • Saint Mary’s, Church Street / Garret Barry, The Battering Ram / Kitty goes a-Milking, Rakish Paddy

 

THE ROLLING STONES “On Air”

THE ROLLING STONES “On Air”

THE ROLLING STONES “On Air”

POLYDOR RECORDS. 2LP, CD, 2CD 2017

di Alessandro Nobis

Narra la leggenda (o racconta la storia) che sul finire degli anni Cinquanta a Dartford, una cittadina della provincia inglese, due imberbi ragazzini aspettassero il titolare di un negozio di elettrodomestici prima dell’apertura per essere i primi a “sondare” le novità a 45 giri di blues, di rhythm’n’blues, di soul che una volta la settimana arrivavano via posta dalla lontana America: Muddy Waters, John Lee Hooker, Wilson Pickett, Wille Dixon, e poi di corsa via a casa con tutto il week end a consumare i 45 giri sul giradischi e soprattutto a provare i brani.

I primi vagiti degli Stones di Keith Richards, Brian Jones e Mick Jagger sono tutti lì, all’insegna della musica nera americana, e queste preziose registrazioni provenienti dagli archivi della BBC e contenute in questi due ellepì sono l’ulteriore testimonianza di tutto questo, nel nome del blues, del soul e del rhythm’n’blues. Dal 1963 al 1965, quindi prima della pubblicazione di “December’s Children”, trentatrè tracce – probabilmente già edite in bootleg vari – di rivisitazioni sincere, riuscite ma tutto sommato abbastanza calligrafiche – come si usava agli albori del British Blues – di Chuck Berry, Solomon Burke, Willie Dixon, Jimmy Reed, Ellis McDaniel a.k.a. Bo Diddley, Wilson Pickett, Hank Snow e Rufus Thomas, le radici dei Rolling Stones sulle quali poi la band inglese ha saputo edificare la sua storia senza mai dimenticarle; solamente tre gli originali, ma sono “(I can’t get no) Satisfaction”, “The Last Time” e “Little by Little”! Da lì a qualche anno gl Stones saranno a Chicago dai fratelli Chess, a registrare con i loro – ed i nostri – eroi…….

Un doppio ellepì CD non solo per i “completisti” per avere un chiaro sguardo su quegli anni nei quali i musicisti inglesi intelligentemente andavano alla scoperta della musica di matrice blues d’oltreoceano.

Tutto sommato invece inutile a mio avviso la versione di un solo CD che contiene il primo dei due dischi. Lasciatela perdere e concentratevi sul doppio.