ELSA MARTIN · STEFANO BATTAGLIA “Al centro delle cose”

ELSA MARTIN · STEFANO BATTAGLIA  “Al centro delle cose”

ELSA MARTIN · STEFANO BATTAGLIA  “Al centro delle cose”

ARTESUONO, RECORDS. CD, 2020

di alessandro nobis

Rispetto, ricerca sonora, delicatezza, originalità: questo emerge dall’ascolto di questo splendido lavoro della cantante Elsa Martin e del pianista Stefano Battaglia ai quali va certamente affiancata la figura del poeta – friulano anche lui – Pierluigi Cappello con le liriche, e la sua voce che appare in “Inniò”, che ci ha lasciato dopo la sua inopinata scomparsa di tre anni fa ed al quale i due musicisti dedicano questo lavoro monografico. Visti i precedenti “individuali” ed il loro precedente “Sfueai” (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2019/05/31/elsa-martin-stefano-battaglia-sfueai/), una riuscitissima interazione con i poeti friulani, non ci si poteva aspettare un semplice ed ovvio “accompagnamento” alle liriche di Cappello, e tutta la bellezza del lavoro è a mio avviso racchiusa in “Lucciole” un lungo rincorrersi ed accavallarsi tra il canto delle liriche dell’autore friulano ed i lunghi momenti improvvisativi dove emerge l’ottimo lavoro di postproduzione con il raddoppiarsi, il triplicarsi della voce di Elsa Martin e le splendide sottolineature melodiche e le creazioni spontanee di Stefano Battaglia; sembra di essere lì, sdraiati nel bosco avvolti dal silenzio e dalla meditazione ad osservare il cielo stellato dove non sono le stelle a brillare ma le lucciole che “si travestono di stelle”. Lo stesso schema nella realizzazione di “Oggi scrivere il nome”, con arrangiamento di Elsa Martin che si distingue per il ruolo della sperimentazione vocale con le emissioni vocali raddoppiate, triplicate che giocano con le reiterate note del pianoforte (“a goccia a goccia cede e ti si allarga dentro”) che collegano la melodia che apre e chiude il brano: da ascoltare attentamente, più e più volte.

Certo non si può definire “jazz” questo “Al centro delle cose” e nemmeno musica contemporanea, ma piuttosto un tentativo perfettamente riuscito di portare i versi di Cappello in un universo prima sconosciuto creato dall’interazione delle “tre” sensibilità che hanno costruito questo piccolo grande omaggio alla poesia e la cui “porta d’ingresso” è il suono arcaico di “Scluse”, la breve ma significativa traccia che ti trasporta dall’altra parte, da un’”altra” parte tutta da esplorare.