CIPRIANI · MYRICK “Reflections” Autoproduzione. CD, 2020

di alessandro nobis

Mi dicono che questo “Reflections” sia il terzo lavoro dei due chitarristi dopo l’extended play “Live in Bulb” e “Wanderlust” pubblicato nel 2019; un chitarrista italiano ed uno americano si incontrano, tengono numerosi concerti, compongono, mettono “alla frusta” delle esibizioni dal vivo il loro progetto ed infine registrano i nove brani che formano questo ottimo e maturo lavoro.

51-8zfLot2L._SS500_Le registrazioni che coinvolgono due chitarristi acustici non sono moltissime, ma quelle che esistono sono considerate delle pietre miliari della musica acustica; non le citerò non fosse altro per rispetto ai due “nostri” ovvero Nicola Cipriani e Brad Myrick che non ho difficoltà a definire un eccellente esempio di come due talenti di livello possano unire gli intenti e collaborare senza alcuna autorefenzialità.

Appare chiaro, almeno a chi scrive, che i due chitarristi conoscano bene la letteratura della chitarra acustica non solo quella fingerpicking a partire da quella riferibile a certo folk acustico d’oltreoceano e per finire alle atmosfere Windham Hill che hanno fatto scuola nell’ambiente; nel bel mezzo ci sono le nove scritture a quattro mani di questo “Reflections” dove la fruttuosa ricerca della melodia si combina esaltando le qualità e la purezza del suono dei due strumenti. Il breve ma significativo dialogo in “Interlude”, la lunga ed articolata “Bordogan” con le percussioni delle casse armoniche che introducono il brano e ne definiscono la sua struttura fino alla pacata e bellissima melodia del lungo brano eponimo che chiude “Reflections”.

Un lavoro davvero significativo che mi auguro possa trovare il giusto spazio e gradimento nell’ambiente della musica acustica e della chitarra in particolare. Lo merita.

 

nicolabradmusic@gmail.com

www.nicolabrad.com

lorenz@a-zpress.com