DALLA PICCIONAIA: LEONARDO SAPERE

25 novembre 2018. Cohen, Verona

di Alessandro Nobis

sapereVioloncellista argentino con una solidissima formazione classica, Leonardo Sapere con il suo violoncello ha incantato il numeroso pubblico del Cohen per il primo dei tre appuntamenti di “The Cohen Underground”, quello di domenica 25 novembre; “incantato” è la parola più appropriata visto il silenzio quasi sacrale durante la performance che il musicista e da oggi anche improvvisatore ha saputo gestire uscendo del tutto dall’ambiente musicale da lui più frequentato. Molti dei presenti conoscevano già questa sua davvero rara apertura mentale grazie alla sua partecipazione al trio “Tango x 3” e gli appassionati di musica contemporanea e nella fattispecie improvvisata hanno gustato forse più degli altri la proposta di Sapere visto il loro approccio ai concerti di questo tipo sapendo di “non sapere” cosa aspettarsi, sapendo che la musica improvvisata in quanto tale non si può replicare e che va gustata nota dopo nota come un evento irripetibile.

 

Creazione istantanea, emozioni, la modernità monkiana, l’intelligente e dosato uso dell’elettronica, inserti di musica barocca e di vocalità grazie al prezioso ed efficace intervento di Massimo Totola a metà concerto (improvvisatore vocale e colto autore di “Nero di pece” dal quale ha tratto qualche verso alternandolo a vocalizzi dialoganti con il “cello” di Sapere), tutto questo sono stati i velocissimi novanta minuti della performance, iniziata con l’inaspettata esecuzione del fantastico Preludio alla 1^ Suite per violoncello solo di J.S. Bach (è mai stata eseguito in un club?); l’inserto dell’Aria Haendeliana “Lascia che io pianga” tratta dall’opera “Almira” e soprattutto quello della Sarabanda della Quinta Suite per violoncello di Bach che prende forma all’interno dell’improvvisazione di quello che forse è stato il brano più significativo e paradigmatico di questo nuovo percorso di Sapere, ovvero “Caos”. Ed infine il jazz tra archetto e pizzicato, con una spartito di Giannantonio Mutto che ha saputo riassumere così efficacemente in pochi minuti il genio di Theloniuos Monk, con citazioni di “’Round Midnight”, “Misterioso” e “Blue Monk”; bellissimo concerto, spero che questo sentiero tracciato al Cohen (era la prima esibizione per questo progetto di Leonardo Sapere) prosegua a lungo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...