CONVERGENZE PARALLELE “Chi Tene ‘O Mare”

CONVERGENZE PARALLELE “Chi Tene ‘O Mare”

CONVERGENZE PARALLELE “Chi Tene ‘O Mare”

DODICILUNE / CONTROVENTO CTV156 CD, 2018

di Alessandro Nobis

Confesso di conoscere poco, veramente poco, la musica di Pino Daniele e lo dico in tutta sincerità senza fare lo snob: non ho mai ascoltato un suo ellepì intero. Giusto quei tre – quattro brani che spesso passano alla radio o alla televisione, ma ascoltando questo bel lavoro a lui dedicato mi sono reso conto che in questo frangente questa mia mancanza potesse rappresentare un vantaggio potendo ascoltare le sue composizioni senza dover paragonare gli originali alle riletture di questo interessante quintetto tutto italiano Convergenze Parallele. Insomma, si trattava di addentrarsi in questo songbook “partenopeo” come si fa con le riletture in chiave jazz di autori americani così tanto “battute” dai musicisti d’oltreoceano ed europei.

Nove i brani scelti dal quintetto, tutti caratterizzati da arrangiamenti anche parecchio diversi tra loro ma che sempre mettono in risalto la bellezza delle scritture originali che si prestano perfettamente al mondo del jazz al quale Pino Daniele spesso veniva associato dai critici e non solo per il suono così malleabile, preciso, cantabile e spesso swingante della sua chitarra ma anche per lo spazio lasciato ai compagni che via via lo hanno accompagnato nella sua carriera purtroppo finita così presto.

In particolare di questo lavoro ho trovato affascinanti gli arrangiamenti della rilettura di “Sulo Pe Parlà” con la sempre precisa, duttile e potente voce di Emilia Zamuner accompagnata dal bandoneon di Pablo Corradini, di “Anima” splendida interpretazione per sola voce che si sviluppa poi in un’esecuzione in quartetto, di uno dei più popolari brani del songbook di Pino Daniele, la ballad “Quanno Chiove” con un bel solo di Lorenzo Scipioni al contrabbasso e di sassofono di un altro ospite, Domenico Verrucci ed infine “Je sto vicino a te”, per i significativi soli di Paolo Zamuner al pianoforte e della voce di Emilia Zamuner, che liberatasi dalla struttura dei versi, affronta un “solo” che dà la misura della preparazione tecnica ed improvvisativa della cantante partenopea.

Un altro “colpo” riuscito alla Dodicilune Records, in questo frangente per la “linea editoriale” Controvento: gli estimatori di Pino Daniele gradiranno, gli appassionati del miglior jazz anche.

Annunci