LUISA COTTIFOGLI “Come un albero d’inverno”

LUISA COTTIFOGLI “Come un albero d’inverno”

LUISA COTTIFOGLI “Come un albero d’inverno”

VISAGE RECORDS, CD, 2017

di Alessandro Nobis

“Come un albero d’inverno” celebra la bellezza, l’austerità, la cultura popolare e la grandiosità della “montagna”; lo fa partendo da spazi dalle coordinate conosciute per poi allargare il percorso a montagne immaginarie con una raffinatezza e delicatezza che oggi sono merce rara. Suoni naturali, suoni naturali elaborati e suoni elettronici combinati in modo così equilibrati rendono questo lavoro di Luisa Cottifogli di rara bellezza e preziosità; c’è un modo di trattare la tradizione rispettoso ed innovativo, come la resa di “Monte Canino” con l’arrangiamento ripreso da quello della Società degli Alpinisti Tridentini od il frammento di yodel che apre il disco, il canto romagnolo “Uselivè” (testo tradizionale, musica originale) che ci parla dei vicini Appennini o infine l’intreccio vocale maschile femminile di “Valcamonica”.

Il gran lavoro fatto in studio trova a mio avviso tutto il suo risalto – e qui va citato il chitarrista Gabriele Bombardini il cui lavoro permea tutto il lavoro – nelle composizioni originali che più delle altre liberano la creatività nella scrittura, nelle armonizzazioni e nella ricerca dei suoni, e voglio qui citare l’introspettiva “Il Giardiniere”, “Permafrost” mosaico vocale che affianca tonalità occidentali a quelle del canto nativo americano e la conclusiva “I say goodbye”, scritta dal Bombardini ed arrangiata dalla Cottifogli.

Una solida preparazione lirica, quella di Luisa Cottifogli, nella quale ha saputo innestare culture “altre” etniche e contemporanee, con curiosità differenziate che le hanno permesso di collaborare con artisti di mondi paralleli come quello jazzistico e contemporaneo. Alla fine, dico io, questo “Come un albero d’inverno” è un po’ il risultato di tutto questo, un  gran bel disco che spero abbia grazie alla Materiali Sonori che lo distribuisce la diffusione che merita.

Mi sono giocato uno dei voti per il premio “Città di Loano” per la musica popolare. Ma va bene così.

http://www.visagemusic.it

www.luisacottifogli.com