CHRISTY MOORE “On The Road”

SONY RECORDS. 2CD, 2017

di Alessandro Nobis

Per noi che speriamo invano da decenni di poter assistere ad un concerto italiano di Christy Moore, questo doppio pubblicato dalla Sony è un perfetto surrogato, possiamo definirlo così, della sua musica, delle sue ballate, del suo sarcasmo e della cultura irlandese che da oltre quarant’anni ricorda ai suoi compatrioti e fa conoscere ai non-irish-peoples. Ventiquattro storie da diversi concerti, brani che possiamo considerare come il ritratto di questo straordinario artista decisamente rapito dalla “cultura irlandese” mentre se ne stava suo malgrado comodamente seduto, ma neanche tanto convinto, dietro un bancone di una banca di provincia; da “Ordinary Man” a “The Time has come” passando per “Viva la Quinte Brigada” e “City of Chicago”, “On the Road” ci racconta di Christy Moore, autore ed interprete sempre attento ai temi sociali della sua Irlanda molti dei quali universali, alla tradizione, agli autori, folk songs che Moore ha saputo fare sue con il suo talento e la sua davvero straordinaria capacità di story teller.

Shane McGowan, Bobby Sands, Peter Hames e Barry Moore (a.k.a. Luka Bloom), Richard Thompson e Jimmy McCarthy vicino ai Planxty di “Raggle Taggle Gipsy” ed ai brani originali ed a quelli composti con Donal Lunnye con lui gli amici di sempre e quelli incontrati sulla via: Declan Sinnott (Moving Hearts), Cathal Hayden (Four Men and a Dog), Mairtin O’Connor (De Danann e Riverdance) sono i più prestigiosi e conosciuti.

Un doppio CD che per i neofiti è il miglior biglietto da visita per conoscere la poesia di Christy Moore e per i quali poi diventa facile e consigliabile ritornare in dietro nel tempo fino a scoprire il suo lavoro d’esordio, “Paddy On The Road del ‘69” (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2016/06/17/christy-moore-paddy-on-the-road/).

Dal sito wwwchristymoore.com è possibile scaricare il libretto con i testi e le diverse line-up che hanno accompagnato Moore in questi 17 concerti.

Annunci