TIARNAN O DUINNCHINN “Reggish Paddy”

TIARNAN O DUINNCHINN “Reggish Paddy”

AUTOPRODUZIONE CD, 2017
di Alessandro Nobis

Con Jarlath Henderson e Cillian Vallely, Tiarnan O Duinnchinn è certamente uno dei pipers più interessanti usciti recentemente dalla fucina della città di Armagh, sede dell’importante William Kennedy Piping Festival che si tiene a metà novembre e rappresenta il ritrovo, l’incontro di musicisti di mezza Europa impegnati nello studio e nella pratica di ogni tipo di cornamusa, dalle Launeddas sarde alle Highland Bagpipes, passando naturalmente dalle uillean pipes, delle quali O Duinnchinn e compagnia sono finissimi interpreti.img

Beh, oltre alla bella copertina (olio su tela del pittore John Brian Vallely che ritrae il piper di Wicklow “Johnny Doran”) ci sono undici tracce, nove delle quali sono eseguite come si conviene in “solo” mentre nelle restanti O Duinnchinn è accompagnato nientemeno che dai finissimi Steve Cooney (chitarra) e Trevor Hutchinson dei Lunasa (contrabbasso). Musica tradizionale tra i reels, jigs, polche e Strathspey con, per noi italiani, un’autentica chicca, l’arrangiamento – riuscitissimo – per uillean pipes di una “Tarantella alla Carpinese” imparata dal pianista trasferitosi a Dublino Francesco Turrisi  ed abbinata a due danze tipicamente di area celtica i reels.

Un ottimo disco di grande fascino che unisce splendidamente una deliziosa ed originale tecnica d’esecuzione e purezza, e che va a seguire quello bellissimo in duo con l’arpista Laoise Kelly (ed anche qui la cover era una grafica di John Brian Vallely) del quale vi avevo parlato in occasione della sua pubblicazione (https://ildiapasonblog.wordpress.com/2017/01/13/laoise-kelly-tiarnan-o-duinnchinn-ar-lorg-na-laochra/).

http://www.tiarnan.ie