GRATEFUL DEAD

“Grateful Dead. 50° anniversario”

Rhino 2CD, 2016

di Alessandro Nobis

Nei primi mesi del 1966 avvenne la metamorfosi: la crisalide THE WORLOCKS si trasformò nella magnifica farfalla GRATEFUL DEAD. Merito di Jerry Garcia, Bill Kreutzmann, Phil Lesh, Ron McKernan e Bon Weir, che si rinchiusero in sala prove per realizzare il loro album d’esordio che sarebbe stato pubblicato dalla Warner il 17 marzo 1967. Nel frattempo molti concerti in clubs o collages ma anche in prestigiose location come il Ballroom Auditorium o il Festival della Controcultura al Golden Gate Park di Frisco il 14 gennaio del ’67.

51tvoqoqhlIl disco che tenne impegnato il quintetto per solo 4 giorni compreso il missaggio, fu registrato “dal vivo in studio” con l’aggiunta di qualche parte vocale e contiene riletture personalizzate – anche se nulla in confronto con quelle eseguite solo una paio di anni dopo dal vivo –  di alcuni padri del blues come Jesse Fuller, Sonny Boy Williamson, Walter Jacobs, Noah Lewis e Reverend Gary Davis oltra ad un paio di brani originali. Nel 2001 venne ne venne pubblicata una versione con 6 interessanti bonus tracks nel cofanetto “The Golden Road 1965 – 1973” ed ora per il 50° anniversario dell’album la Rhino pubblica un doppio CD con la scaletta del disco originale ed il concerto del 29 luglio 1966 al Garden Auditorium di Vancouver, in Canada.

Non sono un Deadhead “d.o.c.” ma credo che questo sia lo show più vecchio della band di Garcia mai pubblicato in modo ufficiale, e già questo farebbe di questa pubblicazione un autentica chicca per i fans dei Dead; per onor di cronaca nel 2013 la Rhino pubblicò un doppio LP in tiratura di 1300 copie, “Rare Tracks and Oddities” risalenti ai primo mesi del ’66 (audio un po’ scarso, insomma per veri Deadhead) ma importanti per capire il punto di partenza di questa leggendaria band californiana.

Ma la domanda sorge spontanea: ma perché diavolo hanno cambiato la copertina, quelli della Rhino? Io, dal canto mio, vi mostro quella originale………

 

Annunci