LA PICCIONAIA: WKPF, 17 – 20 novembre 2016. Parte 1.

LA PICCIONAIA: WKPF, 17 – 20 novembre 2016. Parte 1.

LA PICCIONAIA: WKPF, 17 – 20 novembre 2016. ARMAGH, Co. Armagh

PARTE 1

Giunto al ventitreesimo anno, il William Kennedy Piping Festival si conferma come la più interessante kermesse dedicata agli aerofoni a sacco, strumenti indissolubilmente legati alle culture pastorali e presenti ovunque nel vecchio continente, nel NordAfrica e nel Medio Oriente dove le attività agropastorali si sono manifestate sin dal Neolitico. Culture che hanno prodotto molte diversificazioni nella morfologia di questi strumenti, da quelli “con sacco” (le classiche cornamuse anche qui con varianti legate alle modalità di immissione di aria nel sacco) a quelle “senza sacco” ovvero azionate con l’aria contenuta nel cavo orale del suonatore (l’alboka o le launeddas).img_1722

Comunque sia il WKPF prende il nome dall’orologiaio, liutaio e piper William Kennedy di Banbridge (1768 – 1834) che introdusse importanti novità nella costruzione e nella morfologia delle uillean pipes, la cornamusa irlandese; il festival si è tenuto quest’anno dal 17 al 20 di novembre come di consueto nella città di Armagh con l’organizzazione dell’attivissimo Armagh Pipers Club (fondato nel ’66) e diretto dalla famiglia Vallely con l’aiuto di numerosissimi volontari. Se il festival è nato ed ha nel tempo aumentato il prestigio e la considerazione non solo dei pipers ma di tutti gli appassionati della cultura popolare lo si deve alla competenza, credibilità, dedizione e passione che Brian (quotatissimo pittore e lui stesso piper) ed Eithne (violinista e didatta) Vallely hanno da mezzo secolo messo in campo per favorire lo studio e l’insegnamento del ricchissimo patrimonio musicale irlandese.

Tra le numerose locations nelle quali si è tenuto il festival ricordo la sede dell’Armagh Piper Club, la Cattedrale di St. Patrick, il “Primate’s Palace”, l’Hotel Charlemont Arms con le sue tre sale e naturalmente “The Hole in the Wall” ed il “Red’s Ned”, due pub nelle quali sono tenute le session diurne e serali.img_1670

Il pubblico, proveniente naturalmente dalla vicina Irlanda (Rep. of) oltre he dalla Scozia e dal continente  ha risposto con entusiasmo e grande partecipazione al Festival con le due serate alla cattedrale esaurite, ed anche i concerti al Charlemont Arms Hotel hanno avuto un notevolissimo afflusso di pubblico con decine di persone costrette a rimanere fuori dalle sale: va da sé che naturalmente anche i pub(s) hanno segnato un afflusso di appassionati – di musica e di birra –  decisamente notevole.

(continua)

 

Annunci