CÙIG “New Landscapes”

CD, Autoproduzione, 2016

di Alessandro Nobis

Se capitate dalle parti di Armagh, in Irlanda del Nord, verso la metà del prossimo Novembre, non fatevi scappare – oltre al resto del programma – il concerto dei giovanissimi Cùig, che presenteranno questo loro recentissimo lavoro, “New landscapes”, “Nuovi Paesaggi”, titolo emblematico perché in due parole descrive perfettamente il progetto di questo quintetto proveniente dalle Contee nordirlandesi. Il CD – tutto strumentale – si chiude con “Napoleon’s 2.0” set composto di una “Power March” e da due “reels”, traccia già presente sul loro EP di esordio: qui ha un nuovo arrangiamento ed è anche impreziosito dalle uillean pipes di Jarlath Henderson. cuigLe altre nove tracce (i “nuovi paesaggi” di cui sopra) sono tutte originali per lo più composte dagli stessi Cuig, un altro segnale che il corso del folk irlandese seguito dai giovani musicisti sta andando nella direzione corretta, profonda conoscenza delle tecniche strumentali e dell’eredità dei “padri fondatori” e sopratturro scrittura di un nuovo repertorio presentato con arrangiamenti molto curati e con la presenza di strumenti e ritmi “alloctoni” come il banjo  e un’elementare batteria (“New Landscapes”) e l’inizio swingante di “Kent to Kintail”.

Un gran bel lavoro questo, ed è un vero peccato che queste autoproduzioni – come quelle dei Connla o dei Rèalta – non godano di una distribuzione al di fuori d’Irlanda, ma poco male, ci sono i siti web e le pagine dedicate sui social network, e spesso le produzioni si finanziano con il crowfunding. Sono giovanissimi, seguiamoli.

http://www.cuigmusic.com

https://www.facebook.com/Cuigmusic/

http://www.geomusic.it