CARA “Yet we sing”

CARA “Yet we sing”

CARA

“Yet we sing”
 – ROUGH TRADE CD, 2016

di Alessandro Nobis

Una volta trascorsi gli anni gloriosi dei grandi musicisti di folk revival di matrice scoto irlandese molti dei quali ancora fortunatamente in attività, la sfida per i nuovi ensemble è quella di far tesoro dei loro insegnamenti e di scrivere nuove canzoni su tematiche attuali e nuove aria di danza. Questo quinto album dell’ensemble “Cara” prodotto dalla prestigiosa etichetta Rough Trade prosegue su questo sentiero, tra brani tradizionali e brani di nuova composizione.
E, a proposito dei primi ed a conferma di quanto detto in apertura, ecco due imagebelle e raffinate versioni dei super standard “Little Musgrave” (in America conosciuta come “Matty Groves”) e di “The Elfin Knight” con il pianoforte che accompagna i testi narrativi, e tra gli originali – sempre nel solco della tradizione – segnalo il brano di apertura “A leaf for a sail” di Kim Edgar ed “Anchor in the Sky” scritta dalla band.

Musica celtica ben suonata, un bel suono d’insieme quasi cameristico per questo quintetto: Kim Edgar alla voce e pianoforte, Hendrik Morgenbrod alla cornamusa irlandese, fiati e voce, Gudrun Walther al violino, voce, organetto diatonico e viola, Jurgen Treyz ai plettri e Rolf Wagels al bodhran.

Viene proprio voglia di assistere ad un loro concerto, magari quest’estate. Chissà.