MATT MOLLOY

“Stony Steps” – Claddagh records, 1988

PUBBLICATO SU FOLK BULLETIN cartaceo, settembre/ottobre 1988

“Sono nato a Ballaghaderren, nella Contea di Roscommon, ed ho imparato a suonare il flauto da mio padre Jim, che proviene dalla Contea di Sligo. Anche lui era un flautista, come del resto mio zio Matt. A loro volta anche loro impararono lo strumento da loro padre, e così via, all’indietro nel tempo”. In queste poche parole autobiografiche di Matt Molloy, è racchiusa non solo la sua storia di musicista, ma tutta l’essenza della musica tradizionale, tramandata di generazione in generazione e giunta fino a noi. L’Irlanda è sicuramente in Europa una delle poche isole felici dove questa trasmissione di cultura non si è ancora interrotta, anzi. Lo studio della tradizione, e non solo di quella musicale, sta generando nuovi interessi, soprattutto tra i giovani, i quali, dopo aver assimilato gli antichi idiomi, li adattano ai linguaggi musicali moderni più vicini al loro modo di essere irlandesi (un caso per tutti, i Pogues). Ma torniamo a Matt Molloy: questo “Stony Steps” è il quarto album solista di colui che oggi rappresenta certamente il meglio della tradizione del flauto irlandese. Molloy ha infatti militato nei più importanti gruppi del movimento folk quali la Bothy Band, i Planxty e a tutt’oggi è un componente dei celeberrimi Chieftains, custodi della tradizione celtica. La produzione è affidata a Donal Lunny, autore di alcune delle più significative produzioni degli ultimi anni (Christy Moore, Liam O’Flynn, Moving Hearts) ed anche arrangiatore e musicista (suona in Stony Steps il bozouky e le tastiere); i brani sono tutte danze – jigs, reels, slip jigs, air – davvero splendide per esecuzione e per i raffinati arrangiamenti. Molloy si è circondato di ottimi musicisti, in grado di dare un apporto personale all’interpretazione dei brani eseguiti. Oltre al già citato Lunny è presente il chitarrista Arty McGlynn (Patrick Street) con il quale fornisce la base ritmica al flauto di Matt Molloy. Ospiti sono “gli amici di sempre” e cioè Kevin Burke (già con Molloy nella Bothy Band), Sean keane (dei Chieftains) e James Kelly (tutti violinisti) ed i tastierista Michael O’Sullivan. Difficile segnalare i brani più significativi: a nostro parere comunque indichiamo l’aria “O’Rathaille’s Grave” – dedicata al poeta Aodghan O’Rathaille, deceduto nel 1725 – e l’iniziale medley “McFadden Favourite, Sean McGuire’s, Jackson’ Favourite nel quale emergono maggiormente la chitarra di McGlynn ed i bozouky di Lunny. In conclusione, un grand bel disco, del quale dovete immediatamente mettervi alla caccia, che ahimè, prevedo lunga e difficile; non vi sarà facile trovarlo ma, come si dice il gioco vale la candela. Disponibile (incredibile ma vero) anche in CD.

Annunci