BOYS OF THE LOUGH

“Sweet Rural Shade”, Shanachie records, 1988

PUBBLICATO SU FOLK BULLETIN cartaceo, giugno 1988

Sono parecchi, attualmente, i gruppi di folk revival celtici in crisi di idee e rifugiatisi nello sterile tunnel della musica pop. A questi dovremmo consigliare una vacanza (breve o lunga a seconda dei casi) ad Arlington, nello stato Washington dove, immersi nella natura selvaggia delle Montagne Rocciose potrebbero, oltre ad ossigenarsi i polmoni, ritrovare la loro identità di musicisti folk. E’ infatti in questa località americana che i Boys of the Lough hanno trovato (coaì almeno si legge nelle note di copertina) pace e serenità per registrare il quattordicesimo album della loro carriera, iniziatasi nell’ormai lontano 1971. A dire il vero i “Boys” non hanno mai sofferto di crisi d’identità o di idee, anzi. Dall’esordio su vinile hanno continuamente migliorato il loro suono, producendo una serie di album la cui gemma è rappresentata prprpio da “Sweet rural shade”. Già avevamo osannato il precedente “Farewell and Remember me” per la freschezza dei suoni e per la ricercatezza e raffinatezza degli arrangiamenti, i migliori del panorama folk dai tempi dei Planxty di Donal Lunny. La sorpresa musicale più gradita di questo “Sweet rural shade” è rappresentata, a nostro avviso, dal ruolo affidato al pianoforte di John Coakley; si tratta di una riscoperta di questo strumento, relegato, nel folk celtico, ad un mero ruolo ritmico, poco degno della storia di questo strumento.

In “The hills of Donegal” e in “Todd’s sweet rural shade” al piano viene invece dato il ruolo di cucire la melodia delle “songs”, mentre in “Forest flower”, unico brano tradizionale al di fuori dell’area celtica (è un valzer finnico), la tastiera introduce splendidamente la danza.

Ospiti del gruppo sono in questa occasione Ed Littlefield (americano, alle cornamuse e steel guitar) e lo scozzese Ron Shaw (al violoncello) che ben coadiuvano il quintetto che ormai si è avviato a divenire l’ensemble leader del folk celtico, spodestando gli irlansedi Chieftains, divenuti – a nostro avviso – fin troppo accademici.

Insomma, questo “Sweet rural shade” risulta essere il miglior album dei “Boys” che deve affiancare, in una discoteca che si rispetti, l’album di esordio, con i mitici Dick Gaughan e Robin Morton (produttore ora della scozzese Temple Records).

Resta il rammarico di non avere ancora assistito a un concerto italiano del gruppo, ma la speranza di un futuro blitz di Folkitalia è sempre presente.

Nell’attesa, andate alla ricerca di “Sweet rural shade”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...